Meteo, in arrivo ondata di caldo più forte di quella del 2003. Ecco le previsioni

Meteo, l'ondata di caldo che sta per arrivare in Italia, con il suo apice tra giovedì e venerdì, potrebbe essere ancora più forte di quella del 2003, che peraltro si era distinta per la sua lunga durata. Sarà un caldo record con massima allerta per la popolazione. Lo sottolinea il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara, precisando che sono attesi diversi record delle temperature per il mese di giugno. «Nelle città del Centronord - spiega - potrebbe registrarsi il primato assoluto per il mese in corso. Al Sud invece il caldo sarà più contenuto».



PREVISIONI Tra lunedì 24 e martedì 25 il grande caldo sarà essenzialmente ad appannaggio della Sardegna e gradualmente anche dei settori tirrenici del Centro e del Nord Ovest anche se solo sull'Isola si potranno avere valori molto elevati e superiori ai 40°C. L'escalation di caldo invece, comincerà a fare sul serio soprattutto da mercoledì 26 e toccando il suo apice tra giovedì 27 e venerdì 28. Saranno queste le due giornate peggiori per il Centro e il Nord Italia dove si potranno toccare valori record per il periodo. Sono attese punte fino a 41-42°C sul Nord Ovest, 40 gradi diffusi anche su molte aree della Pianura Padana fino ad alcuni tratti interni della Toscana come a Firenze. Farà caldissimo anche su Umbra, Lazio con Perugia e Roma che toccheranno picchi intorno si 38-39°C. Andrà un po' meglio invece al Sud dove i termometri non riusciranno a salire così in alto e si fermeranno intorno ai 34-35°C al massimo.

 Meteo, arriva il supercaldo: fino a 40 gradi al Centro e al Nord, attenti ai rischi per la salute

Secondo la redazione de Ilmeteo.it da sabato 29 le temperature potrebbero perdere qualche punticino al Nord per un primo timido cedimento della rovente bolla africana. In seguito, tuttavia, non si intravede ancora un deciso cambio della circolazione generale e sarà probabilmente solo il Nord Italia a godere di temperature meno bollenti e soffocanti.

 

Lunedì 24 Giugno 2019, 15:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA