Meningite sul lago di Iseo, quinto caso nella stessa zona: ricoverato un 16enne, sta meglio

Meningite sul lago di Iseo, quinto caso nella stessa zona: ricoverato un 16enne, sta meglio

Meningite, non si placa la paura tra le province di Bergamo e Brescia: un ragazzino di appena 16 anni è stato ricoverato in condizioni gravissime all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dopo essere arrivato ieri pomeriggio con sintomi come febbre alta e difficoltà respiratorie. Nella stessa zona c’erano stati altri 4 casi, con due decessi, una ragazza di 19 anni e una donna di 48, nelle ultime settimane.

Leggi anche > Meningite, è psicosi: «Centinaia in coda per vaccinarsi»

Quello del sedicenne è dunque il quinto caso in poco più di un mese: lo scorso 3 dicembre era morta la giovanissima Veronica Cadei, mentre due giorni fa è toccato a Marzia Colosio, madre di 48 anni. Il ragazzo ricoverato ieri abita a Castelli Calepio, a pochi chilometri da Predore, dove viveva proprio la Colosio: gli altri due che si erano ammalati, una studentessa anch’essa 16enne e un operaio di 36 anni, sono invece fuori pericolo.

Leggi anche > Marzia Colosio morta a 48 anni: vaccini gratis tra Bergamo e Brescia

SEDICENNE INTUBATO Il giovane è stato immediatamente sottoposto agli accertamenti del caso, compreso il prelievo del liquor, e gli esami di laboratorio hanno poi confermato quello che era già un sospetto dei medici: è stato colpito da meningococco, il batterio che, quando raggiunge il cervello, può dare origine alla meningite. Il sedicenne si trova ricoverato in Terapia intensiva, intubato, in condizioni molto serie. 

La zona è sempre la stessa: l'area del Basso Sebino bergamasco, dove Ats e Regione hanno attivato già da giorni una vaccinazione a tappeto: la paura tra i residenti è alta e già ieri mattina all’alba in tanti si erano messi in fila per vaccinarsi. Smentita invece dall’assessore la ‘caccia al portatore sano di meningococco C’ di cui si era parlato due giorni fa, con tanto di ipotesi di prelievi di massa per trovarlo: nessun allarmismo.

MIGLIORANO LE CONDIZIONI Intanto migliorano le condizioni del ragazzo di 16 anni ricoverato per una sepsi da meningococco: il giovane resta ricoverato in prognosi riservata, ma la sua situazione clinica è ora stabile, respira da solo e la prognosi si presenta in miglioramento. Ancora non è stato comunicato l'esito dell'analisi di tipizzazione, che dovrà confermare se si tratta anche in questo caso del tipo C di meningococco, lo stesso che è comparso negli altri quattro casi precedenti.

Ultimo aggiornamento: Domenica 5 Gennaio 2020, 14:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA