Benedetta e la meningite fulminante: «Sono viva grazie ai vaccini»

Benedetta e la meningite fulminante: «Sono viva grazie ai vaccini»

Colpita da una forma di meningite «nella maggior parte dei casi fulminante», spiega di essersi salvata anche grazie ai vaccini e punta il dito contro i comportamenti anti-scientifici. Benedetta Rosatello, la 19enne piemontese di Lagnasco (Cuneo), che vive a Padova ed è iscritta all'Università, a inizio gennaio era stata ricoverata per meningite da meningococco di ceppo B, ha raccontato la sua esperienza sui social.

«Ancora non avevo il vaccino per il ceppo B specifico - scrive Benedetta - ma ero già protetta grazie al tetravalente contro i ceppi A, C, Y e W. Con ogni probabilità, proprio questo mi ha salvata concedendomi il tempo di arrivare in ospedale dove ho potuto iniziare subito le cure necessarie».

Nel post, Benedetta invita a ricordare che la vita è piena di incognite. «Proprio per questo  sono convinta che sia importantissimo tutelare noi stessi e la nostra famiglia, perché ogni vita vale la pena di essere vissuta e trovo assurdo che, nonostante gli enormi progressi raggiunti in campo medico, si continui ad essere restii e diffidenti». «Nessuna scienza è esatta, ma ciò - conclude - non significa che bisogna rifuggire in toto i potentissimi strumenti di prevenzione sanitaria di cui siamo in possesso».

Ultimo aggiornamento: 11:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA