Covid, la strage dei sanitari: 500 le vittime, quasi la metà erano medici di famiglia

Covid, la strage dei sanitari: 500 le vittime, quasi la metà erano medici di famiglia

Due anni di pandemia e quasi 500 vittime tra il personale sanitario. Morti di Covid-19, soprattutto quando contro le impennate del virus non c'erano ancora i vaccini. In questa cifra ci sono tante storie e dietro tante famiglie. Storie di camici bianchi che si sono lanciati nel campo di battaglia, molti anche rientrando dalla pensione, per curare i loro pazienti. Dei circa 500 decessi, 370 erano medici e odontoiatri, e di questi, 216 erano medici di famiglia, del 118, guardie mediche, specialisti ambulatoriali, liberi professionisti, e 30 gli odontoiatri. A questi si aggiungono 90 infermieri, tre ostetriche e 32 farmacisti. 

Milioni di italiani curati

Un sacrificio di medici e personale sanitario, sottolinea il presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, Filippo Anelli, «che ha consentito di curare ben oltre 12 milioni di cittadini positivi al Covid 19 di cui 10,7 milioni sono guariti, nella stragrande maggioranza a domicilio, grazie all' impegno dei 'curantì e al contributo fondamentale di tutti gli operatori». Cifre che rimbombano nella 2/a 'Giornata nazionale del personale sanitario e sociosanitario e del volontariatò, dedicata quest'anno alla memoria di Gino Strada, fondatore di Emergency. Una cerimonia oggi in presenza del ministro della Salute, Roberto Speranza, per celebrare una giornata istituita per «onorare il lavoro, l'impegno, la professionalità e il sacrificio» dei tanti sanitari in prima linea nel corso della pandemia.

E proprio alla vigilia della celebrazione, il 18 febbraio scorso, l'approvazione, da parte del Governo, del finanziamento di 15 milioni di euro del fondo per gli indennizzi ai familiari dei sanitari morti per Covid, su proposta dei ministri della Salute Roberto Speranza (che ha presenziato alla cerimonia della Fnomceo) e delle Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti. Via libera che per le associazioni e i familiari, «ha sanato un'ingiustizia», dopo lo stop del Senato al provvedimento. L'indennizzo riguarda i medici non dipendenti dal Servizio sanitario nazionale, che sono oltre la metà dei medici deceduti, ed il personale sanitario.

Medici, le reali esigenze

Ma la Giornata in loro onore, non può essere solo «targhe e medaglie», avverte il Segretario Nazionale Anaao Assomed, Carlo Palermo, invitando a guardare alle «reali esigenze» e chiedendo «azioni concrete volte al riconoscimento di una professionalità troppe volte dimenticata, e una dignità troppe volte calpestata». La commemorazione, infine, secondo il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), Andrea Mandelli, deve essere anche occasione per un rilancio di una «sanità più forte a livello territoriale». E la Federazione Italiana Medici di Famiglia (Fimmg) mette in evidenza che «i medici si onorano con il dialogo e la proposta, per la vera evoluzione di una medicina generale fiduciaria e di prossimità».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Febbraio 2022, 07:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA