Maturità, scatta il tototracce tra D'Annunzio, il Muro, internet e Greta
di Lorena Loiacono

Maturità 2019, tema: scatta il tototracce tra D'Annunzio, il Muro, internet e Greta

Quarantotto ore all’alba, il countdown per la maturità corre piuttosto veloce ed è ormai arrivato agli sgoccioli. Mercoledì mattina alle 8.30, infatti, prenderà il via il primo scritto, quello di italiano. A rompere il ghiaccio quindi, per i circa 520mila candidati all’esame di Stato, arriveranno i plichi con le tracce per il tema. E, come accade tutti gli anni, in queste ultime ore impazza tra gli studenti il tototema. Una corsa online a chi suggerisce l’argomento più quotato tra quelli che potrebbero uscire tra le tracce ministeriali. E nulla viene lasciato al caso. I candidati infatti, studiando sui libri di testo ma non solo, si sono dati da fare per scovare ricorrenze e anniversari, autori “ritardatari” neanche fossero numeri del lotto e argomenti di attualità tra i più discussi negli ultimi mesi. Il risultato? Una carrellata di tematiche e poeti che, anche se non dovessero realmente uscire il giorno dell’esame, comunque saranno serviti agli studenti per ripassare una buona parte del programma.
E allora, come veri bookmaker, i maturandi puntano tutto sull’attualità che propone in pole position Greta, la giovane simbolo del movimento in difesa dell’ambiente. Secondo un sondaggio di skuola.net, almeno un maturando su 4 dà per vincente la questione inquinamento. L’effetto Greta infatti sembra aver influenzato non poco lo studio dei ragazzi che hanno intravisto un suggerimento in questa direzione anche tra le parole del ministro Bussetti che, nel video di in bocca al lupo, ha detto: «Ognuno di noi ha il compito di contribuire a rendere migliore questo mondo». A seguire spiccano l’immigrazione e la violenza sulle donne. Tra gli autori salgono sul podio Verga, D’Annunzio e Pirandello, ma non si possono trascurare nemmeno Ungaretti e Leopardi, anche per la ricorrenza dell’Infinito, celebrata in moltissime scuole. A proposito di ricorrenze, i maturandi classe 2000 non possono certo trascurare i 30 anni dalla nascita del Web che, 1989 faceva il suo primissimo debutto al Cern di Ginevra proprio grazie a un gruppo di fisici italiani. Ma nel 2019 ricorrono anche i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino e gli 80 anni dall’inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Lunedì 17 Giugno 2019, 07:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA