Massimo Giletti: «Basta violenze negli ospedali, ho fatto un film»
di Valeria Arnaldi

Massimo Giletti: «Basta violenze negli ospedali, ho fatto un film»

Massimo Giletti, giornalista e conduttore di Non è l'Arena, interpreta se stesso nel docufilm Notturno, insieme a Maria Grazia Cucinotta, prodotto da Corrado Azzollini per Draka Production per sensibilizzare sulla violenza contro medici e operatori sanitari. Perché?
«Un docufilm arriva anche a chi non segue talk show. Usare più linguaggi consente di raggiungere più tipi di pubblico».

Leggi anche > Chirurghi in fuga: «Paghe, aggressioni e turni infernali. I nostri medici scappano all'estero, presto chiuderemo le sale operatorie»

In tv si è occupato a lungo del caso di Serafina, violentata mentre era di turno alla guardia medica.
«Ho fatto una battaglia durissima e la continuerò. Senza l’aiuto della compagnia Allianz, Serafina non avrebbe avuto neppure il risarcimento perché l’Asp di Catania aveva fatto scadere i termini. Allianz è stata molto generosa, ci è venuta incontro e nonostante fosse andato tutto in prescrizione, ha deciso di risarcirla ugualmente. Inoltre mi domando: è ancora possibile che lo stupro sia trattato alla stregua di una caviglia rotta? L’Ordine dei Medici di Catania non si è neppure costituito parte civile, è scandaloso, e nessuno dice niente».
Perché tutto ciò, secondo lei?
«C'è una mancanza di rispetto altissima verso le donne. E anche nel modo di proporle in Tv. Chi fa televisione, deve fare di tutto per cambiare queste cose. La Tv oggi ha senso se dona voce a chi, da solo, non ha la forza di farsi sentire».
Non tutti la intendono così.
«Il giornalismo è questo. Poi ognuno fa la Tv che sente. Io divido abbastanza, lo so, ma mi batto e fino in fondo. Noi non raccontiamo una storia e la dimentichiamo. Nascono rapporti intensi con chi seguiamo. È fondamentale. Sono persone, non numeri e questo vorrei ricordarlo anche alla Politica».

riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Gennaio 2020, 17:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA