Massimo Bossetti, domani la sentenza della Cassazione
di Emilio Orlando

Massimo Bossetti, domani la sentenza della Cassazione

La suprema corte potrebbe riscrivere l'intera vicenda che avvolge l' omicidio di Yara Gambirasio,  la 13enne scomparsa  fuori dalla palestra dove si allenava il 26 novembre del 2010 e ritrovata cadavere tre mesi dopo da un aereomodellista in un campo di Chignolo d'Isola,una piccola località in provincia di Bergamo. Le indagini, condotte da polizia e carabineri al ritmo serrato di un triller, portarono all' individuazione di Massimo Bossetti un carpentiere residente a Mappello che dopo due gradi di giudizio venne condannato alla pena dell' ergastolo. 

Yara Gambirasio, Massimo Bossetti ricorre in Cassazione: 23 motivi per dimostrare l'innocenza

Gli inquirenti arrivarono alla cattura del presunto assassnino dopo anni d' indagini tecnico scientifiche, analizzando  oltre 25 mila profili genetichi estratti da campioni di sangue degli abitanti  dell'  isola bergamasca fino ad arrivare ad attribuire il campione di Dna repertato,  sulle mutandine e sui legghins di Yara ad un parente  di Giuseppe Guerinoni, autista di autobus della Val Seriana deceduto nel 1999. Le analisi genetiche del cosidetto profilo "ignoto 1" comparate con i parenti dell' autista  diedero  esito negativo. Si ipotizzo quindi che la traccia di Dna del reperto "31 g 20" degli slip doveva apparetenre ad  un figlio illegittimo di Guerinoni. La previsione dei genetisti forsensi trovò conferma quando gli la polizia ed i carabinieri individuarono in Bossetti dopo aver comparato l'“Ignoto 1” con il profilo di Ester Zaruffi, madre del carpentiere. Una prova che gli avvocati di bossetti hanno sempre contestato a suon di perizie ed analisi forensi, proprio perchè il profilo “Ignoto 1”, accanto a dna nucleare attribuito a Bossetti, presentava anche tracce di dna mitocondriale( Dna trasmesso solo dalla madre)  rimasto senza identità.

«Sul corpo di Yara il Dna di una terza persona». Caso riaperto?

E' stata questa la motivazione per cui gli Ermellini di piazza Cavour a Roma hanno accolto il ricorso dei difensori. Domani valuteranno se concedere o no la cosiddetta  “super perizia genetica” finora mai accolta negli altri gradi di giudizio perchè come è scritto in sentenza “non necessaria ai fini della decisione”. Con questo esame genetico, qualora la Cassazione lo accogliesse, rimandando gli atti in corte d' Assise d' Appello, verrebbe effettuata una comparazione diretta tra il profilo genetico estratto dagli slip ed il Dna di Massimo Bossetti, che sin dai primi momenti dopo l' arresto si è sempre professato innocente. Infatti tutti gli indizi raccolti nella fase delle indagini preliminari dal sosituto procuratore di Bergamo Letizia Ruggeri, inchioderebbero Bossetti.

 Omicidio Yara Gambirasio, prova regina contaminata? Massimo Bossetti chiede lo sconto di pena

A partire dalle tracce di fibre tessili trovate sugli indumenti di Yara e perfettamente identiche  con quelle raccolte sui sedili del suo furgone. Le  immagini delle telecamere di Brembate Sopra che hanno filmato più volte  un Fiat Daily con le stesse caratteristiche  mentre si girovagava  intorno alla palestra del paese nel giorno e negli orari in cui si presume sia scomparsa Yara. Anche le   mini-sferette di metallo trovate sul corpo della 13 enne sarebbero uguali a quelle evidenziate dalla scientifica sul mezzo. La sentenza è attesa per la serata. I giudici potrebbero confermare la condanna all' ergastolo per Massimo Bossetti e scivere la parola fine sul caso di Yara oppure rimandare gli atti in corte d' Assise e riaprire il processo resettando tutto quello che è stato fatto fino ad oggi.

Yara, "La prova del Dna di Bossetti è valida"







 
Giovedì 11 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME