Speranza: «Mascherine al chiuso, confronto con altri ministri ma serve precauzione»

Il ministro della Salute puntualizza: "Siamo fuori dall'emergenza, ma non fuori dalla pandemia"

Speranza: «Mascherine al chiuso, confronto con altri ministri ma serve precauzione»

Sul possibile stop all'obbligo di mascherine al chiuso arriva il punto di Roberto Speranza. Il ministro della Salute, a margine della conferenza sulla Questione medica, promossa dalla Fnomceo a Roma, ha spiegato: «Avevamo detto che avremmo preso una decisione l'ultima decade di aprile. È appena iniziata, c'è un confronto in corso in queste ore con i ministri dei settori competenti e vedremo la scelta migliore».

Leggi anche > Omicron, Bassetti: «Il bollettino giornaliero da raffreddore non ha senso, i numeri creano solo ansia»

Mascherine al chiuso, Speranza: «Serve precauzione»

Ad ogni modo, aggiunge Speranza, «la voce dei medici è importate e va ascoltata. Ora dobbiamo sviluppare il nostro confronto politico. Io tradizionalmente sono dell'idea che più si tiene impianto di precauzione e più si continente la pandemia che è ancora in corso, come ci dicono i numeri. Siamo fuori dall'emergenza grazie ai vaccini, ma non siamo fuori dalla pandemia».

Speranza: «Carenza di medici ma uso straordinario di specializzandi»

«Per il personale medico avremo difficoltà per i prossimi 2-3 anni ma poi, grazie agli investimenti messi in campo e alle borse di specializzazione medica finanziate arrivate a oltre 17mila, la situazione cambierà. Il problema è come gestire i prossimi 2-3 anni e ci stiamo lavorando, per trovare soluzioni immediate: su questo, penso anche ad un utilizzo straordinario degli specializzandi, che abbiamo iniziato a fare ma che va rafforzato». Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, alla Conferenza nazionale sulla questione medica, organizzata dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo).

Speranza: «Basta con i tetti di spesa per il personale sanitario»

«Abbiamo assistito ad una retorica degli eroi sul personale sanitario nella prima fase della pandemia, ma c'era una normativa che da 15 anni metteva la camicia di forza al personale per la presenza di un tetto di spesa proprio per il personale. Questo modello per silos e tetti ci ha impoverito, è sbagliato e non funziona. Questo è un disastro cui porre rimedio al più presto e questo tetto lo stiamo un pò alla volta rompendo. Farò una battaglia politica perchè si superi questa logica dei tetti». Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo alla Conferenza nazionale sulla questione medica, organizzata dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo).


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Aprile 2022, 16:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA