Mario Pianesi, guru della macrobiotica, indagato per l'omicidio dell'ex moglie: «Uccisa con la sua dieta»
di Simone Pierini

Mario Pianesi, guru della macrobiotica, indagato per l'omicidio dell'ex moglie: «Uccisa con la sua dieta»

  • 96
    share
«Uccisa con la sua dieta». È accusato anche di omicidio volontario aggravato dell'ex moglie Gabriella Monti, Mario Pianesi, fondatore di un impero nel campo della macrobiotica in Italia, sul quale gravava già l'addebito (in quel caso insieme ad altre tre persone) di aver creato una setta per ridurre in schiavitù e maltrattare persone costrette a pesanti diete. Pianesi, secondo l'accusa, avrebbe causato la morte di Gabriella Monti, costringendola a curarsi con «diete miracolose», a base solo di cereali dopo essere stata colpita da un ictus.

I divieti choc: "Vietato internet, indossare gonne, andare in palestra"​

Chi è Mario Pianesi, 'guru' di diete e macrobiotica



Il pm di Ancona Paolo Gubinelli ha aperto un procedimento parallelo a quello principale che era scaturito da un'indagine chiusa nel marzo scorso. Indagine partita a sua volta da una serie di denunce di ex adepti, che avevano parlato di regimi alimentari 'da famè (la dieta Ma-Pi), articolati in vari step e imposti come vere e proprie terapie alternative ai trattamenti medici e farmaceutici tradizionali, di progressivo isolamento da familiari e amici per seguire fedelmente lo stile di vita imposto dal guru, 73 anni, che nel tempo ha creato un vero e proprio impero con il marchio 'Un punto macrobiotico' (Upm), una catena di ristoranti e negozi.

Bimba sorda per un'otite non curata. I genitori seguivano il "maestro"

Con lui sono indagati l'attuale moglie Silvana Volpi, di 51 anni, e altri due collaboratori, per reati che vanno dall'associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù ai maltrattamenti e lesioni aggravate all'evasione fiscale. Accuse che hanno travolto Pianesi, pioniere della macrobiotica e ben introdotto in ambienti ad alto livello, destinatario di premi e riconoscimenti in mezzo mondo. Ora la nuova, pesantissima accusa che emerge dalla richiesta di incidente probatorio che la Squadra Mobile di Ancona ha recapitato a Pianesi a San Severino Marche. La Procura vuole raccogliere dichiarazioni di testimoni, 'cristallizzandole' ed evitando eventuali inquinamenti delle prove. Pianesi, secondo l'accusa, avrebbe quindi causato la morte di Gabriella Monti, costringendola a curarsi solo con cereali. Invece avrebbe avuto bisogno di terapie mediche mirate per i postumi di un ictus, che l'aveva colpita nel 1997. Sarebbe poi morta in ospedale ad Ancona nel 2001, in un grave stato di deperimento fisico, dopo avere rifiutato per anni cure e ricoveri, sottoponendosi solo al regime alimentare macrobiotico, visto come la panacea di tutti i mali, l'unico in grado di guarirla.
 
 

Mario Pianesi, è stato anche accusato di aver creato una setta che schiavizzava persone psicologicamente fragili costringendole a regimi da fame o a lavorare quasi gratis per i circa 100 ristoranti dell'associazione: aveva il diploma di terza media, ma una laurea ad honorem all'Università della Mongolia. 

L'incubo della setta macrobiotica: gli effetti devastanti della dieta imposta dal "maestro"

Un guru riconosciuto da 90 mila seguaci, per i pm un imprenditore della sofferenza. Nato a Tirana, in Albania, 73 anni fa, da madre montenegrina e padre marchigiano, Pianesi è passato in 30 anni dai corsi serali per nutrizionisti alle conferenze per la Fao, l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura. Da autodidatta ha rivisitato le diete a base di proteine naturali e nemiche della carne tipiche del mondo asiatico per adattarle all'Occidente, oppresso da obesità, diabete, malattie cardiovascolari. Ha creato il marchio Un Punto Macrobiotico (Upm), gestendolo in modo dispotico - secondo la procura di Ancona - assieme alla moglie - Loredana Volpi, 51 anni - e pochi collaboratori. 

Gli adepti ridotti in schiavitù: "Una vittima arrivata a 35 kg"

Ha creato il marchio Un Punto Macrobiotico (Upm), gestendolo in modo dispotico - secondo la procura di Ancona - assieme alla moglie - Loredana Volpi, 51 anni - e pochi collaboratori. Un franchising dalle uova d'oro. Le 5 diete Ma.Pi. (dal nome di Pianesi) - cereali, verdure, legumi, più raramente proteine animali - sono considerate efficaci nella «terapia di patologie croniche, quali obesità, ipertensione, diabete mellito tipo 2 e sindrome metabolica», si legge sul sito dell'Università Campus Biomedico. Che ora puntualizza sul rapporto col santone, parlando di «studi e collaborazioni su richiesta di Pianesi» e di «contatti per capire se le sue diete funzionavano».

Nel 2012 il guru della macrobiotica ha ricevuto la Medaglia della Presidenza della Repubblica. Negli ultimi anni è stato ricevuto due volte in udienza dal Papa. Il Comune di Bologna lo ha insignito della Turrita d'Oro e ora la Lega chiede di restituirla. Nel frattempo, infatti, secondo le accuse, Pianesi ha messo in piedi un'associazione a delinquere per ridurre in schiavitù. Con gli adepti demonizzava proprio quel mondo scientifico ufficiale che pure riconosceva validità alla sua dieta. Fino a indurne numerosi affetti da malattie gravi a lasciare le cure tradizionali per affidarsi alle sue diete, al suo carisma taumaturgico. In cambio, sempre secondo le accuse, pretendeva donazioni in denaro, lavoro semi gratuito e fedeltà assoluta.
 
Martedì 25 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 26-09-2018 09:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-09-26 03:58:27
Ecco chi viene premiato in Italia un criminale con visioni da pazzoide.
DALLA HOME