«Ha promesso una tangente da 50mila euro a un assessore»: arrestata una musicista

«Ha promesso una tangente da 50mila euro a un assessore»: arrestata una musicista

Avrebbe promesso ad un assessore una tangente da 50mila euro, per un evento musicale: per questo la musicista palermitana Marianna Musotto, in arte Marianne Li, è finita agli arresti domiciliari, indagata per istigazione alla corruzione. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno dato esecuzione all'ordinanza nei suoi confronti, il cui provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Palermo, su richiesta della procura. L'assessore non solo ha rifiutato ma ha denunciato tutto e incastrato presunti mandanti e l'intermediaria.

Passa con l'auto vicino a un incidente stradale: Giuseppe, 67 anni, muore stroncato da un malore

Presunta tangente da 50mila euro, cos'è successo

I fatti risalgono all'aprile del 2021 quando un'intermediaria contattò il capo segreteria particolare di Manlio Messina, il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia Raoul Russo, proponendo un progetto per un evento importante, che prevedeva una sponsorizzazione della Regione per 500mila euro. Le indagini sono condotte dai carabinieri del nucleo investigativo di Palermo, che nei mesi scorsi hanno effettuato alcune perquisizioni e sequestrato telefonini e computer. L'inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis.

Ucraina, il trauma di un bambino di 7 anni: dal primo giorno della guerra ha smesso di parlare

Secondo le indagini la musicista Marianna Musotto, arrestata oggi dai carabinieri con l'accusa di isitgazione alla corruzione nei confronti dell'assessore regionale al Turismo della Sicilia Manlio Messina, avrebbe proposto verbalmente una tangente da 50mila euro per «finanziare il partito» o «metterli in tasca». Ma il capo della segreteria particolare Raoul Russo e l'assessore Manlio Messina rifiutarono la tangente. L'intermediaria cercò allora di essere più persuasiva utilizzando una chat a tempo 'coperta' da autodistruzione, nella quale i messaggi durano appena qualche secondo, ma non fece i conti con il fatto che l'assessore aveva pianificato una strategia per registrare tutti i messaggi.

Marianna Musotto (foto da Facebook)

L'assessore: Ho solo fatto il mio dovere

«I carabinieri si sono stupiti quando abbiamo deciso di denunciare tutto, spiegandoci che nella maggior parte dei casi i tentativi di corruzione o le corruzioni emergono da intercettazioni. Per noi la denuncia è stata normale e poi quando le pressioni sono così evidenti non si può non denunciare», dichiarò Raoul Russo, capo della segreteria particolare dell'assessore, commentando la tentata corruzione. «Sono stupito da tanto clamore - era stata la reazione dell'assessore Messina - Ho solo fatto il mio dovere. Cioè denunciare chi voleva pagare una tangente. Per me è scontato andare a denunciare. Io speravo che facessero un passo falso per avere la prova in mano, non solo a voce, ma cartacea, per poterli denunciare. Ripeto: noi abbiamo fatto il nostro dovere, ma di più sull'indagine in corso non posso dire. Sono cose spiacevoli, la cosa più naturale era denunciare. Speriamo di avere aperto una strada, e che adesso siano in tanti a farlo».


Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Marzo 2022, 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA