Marco Vannini avrebbe compiuto 25 anni, la mamma a Chi l'ha Visto: «Non possiamo neanche andare al cimitero»
di Silvia Natella

Marco Vannini avrebbe compiuto 25 anni, la mamma a Chi l'ha Visto: «Non possiamo neanche andare al cimitero»

Oggi - come ricorda Chi l'ha Visto? - Marco Vannini avrebbe compiuto 25 anni e per la prima volta dal 2015 la mamma ha cucinato il suo dolce preferito. Lo ha fatto per sentirlo più vicino perché non può fare altro. Ai genitori e a tutte le persone che hanno perso i loro cari il cimitero è negato. L'emergenza coronavirus ha determinato misure restrittive per evitare il contagio e, tra queste, anche la chiusura dei luoghi di culto e dei cimiteri.

Leggi anche > Lite in casa nella notte, uccide il fratello a coltellate

I genitori del ragazzo ucciso a Ladispoli hanno parlato ai microfoni di Chi l'ha Visto e la trasmissione ha mandato in onda le immagini di quando era bambino e muoveva i primi passi. «Chissà come sarebbe, - dice il papà - purtroppo si vive di ricordi, passi davanti a una foto, lo guardi e ci parli come se ti rispondesse». «Per noi è ancora più pesante stare in casa. Oggi non possiamo neanche andare al cimitero, è una cosa che ci fa stare troppo male. Quando vado, non so mai quando ritorno a casa», aggiunge la mamma.

Leggi anche > Il sindaco di Riace si aumenta lo stipendio in tempo di Coronavirus, l'opposizione insorge

E poi l'idea di festeggiare spegnendo le candeline sulla sua torta preferita: «Ho pensato a cosa fare per stargli vicino. E dopo ben cinque anni ho fatto il dolce che piaceva tantissimo a Marco. Spegneremo le candeline per lui e mangeremo in suo onore».

«In questa occasione andavo in cameretta ed ero il primo a fargli gli auguri. E lui era felice», ricorda ancora il papà. Il procedimento giudiziario è fermo, ma la famiglia continua a lottare: «La verità non la sapremo mai, però la giustizia gliela dobbiamo dare. Oggi c'è il coronavirus, ma poi si ripartirà e dovremo portargli un mazzo di fiori».
 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Aprile 2020, 21:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA