Sorelline chiamano il 113 per maltrattamenti, ma la verità è molto diversa

Sorelline chiamano il 113 per maltrattamenti, ma la verità è molto diversa
Definirle “birichine” è poco le due sorelle di 14 e 12 anni, figlie di commerciati residenti in centro città, che per ripicca hanno chiamato il 113  per denunciare di essere state lasciate a casa da sole dai genitori. Una volante si è precipitata nell’abitazione indicata dalle ragazzine, dove gli agenti sono stati accolti dal padre che sconcertato dell’intervento ha dichiarato che quando lui e la moglie non sono in casa per motivi di lavoro le due figlie vengono lasciate in custodia alla nonna materna.

Bambino autistico di 4 anni, nessuno va alla sua festa di compleanno. Per fortuna arriva la sorpresa

Nella visita domiciliare gli agenti hanno scoperto una triste storia: la 14enne aveva da poco picchiato la madre con calci e pugni perché le aveva vietato l'uso del cellulare. Presente in casa la donna ha mostrato lividi ed ecchimosi su un braccio e sulle gambe provocati dalla figlia maggiore. È inoltre emerso che le due sorelle hanno chiamato il 113 per dispetto: i genitori in un rimprovero le avrebbero minacciate di condurle da parenti se non si fossero comportate bene. La non cristallina situazione familiare è stata segnalata dalla polizia ai servizi sociali del Comune che entreranno nel merito.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Ottobre 2018, 12:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA