Luigi di Maio a Live non è la D'Urso: «Se sbagliamo adesso ci giochiamo l'estate. Ritardi inaccettabili su cassa integrazione»
di Ida Di Grazia

Luigi di Maio a Live non è la D'Urso: «Se sbagliamo adesso ci giochiamo l'estate. Ritardi inaccettabili su cassa integrazione»

Luigi di Maio a Live non è la D'Urso: «Se sbagliamo adesso ci giochiamo l'estate. Ritardi inaccettabili su cassa integrazione». Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, ospite del talk serale di Barbara D'Urso , in onda domenica 10 maggio, ha parlato della liberazione e del rientro di Silvia Romano , della Fase 2 e della possibilità di far riaprie le attività, come parrucchieri ed estetiste, prima del 18 maggio. Su Leggo.it tutti gli aggiornamenti.

Leggi anche > Silvia Romano è in Italia: indossa una veste islamica. «Sto bene ora con la mia famiglia»​



Barbara D'Urso apre la nuova puntata di Live non è la D'Urso ospitando in collegamento il ministro Luigi Di Maio, a cui ha chiesto aggiornamenti sulla Fase 2 : «Ministro, si pensa già a qualche apertura anticipata prima del 18 maggio, anche domani lunedì 11 maggio?».«Ciò che posso dire -  ha risposto Di Maio - è che questa settimana è andata bene e da domani ( lunedì 11 maggio ndr.) avremo i dati che ci potranno dire se le cose stanno andando molto meglio. Se è così il 18 potremmo anticipare anche le aperture di parrucchieri ed estetisti. Voglio anche mettere l'accento su una cosa: oggi l'indice di contagio in Germania è salita oltre l'1, in Svezia che non ha avuto il lockdowa, questa settimana si è impennata nel numero di contagi. Stiamo lavorando per un'estate serena, se sbagliamo adesso stiamo chiusi tutto agosto». Per il ministro la settimana dall'11 al 17 maggio sarà fondamentale: «La settimana che sta per cominciare è importante per gli scienziati perchè ci permetteranno di vedere com'è andata la curva del contagio, questa settimana è importante per capire se il 18 maggio possiamo aprire qualcosa in più, in base a questi dati capiremo se siamo stati bravi oppure no, non noi del goeverno. Faccio appello alla responsabilità, ho visto alcune scene di poche persone, ma quelle poche persone sono importanti. Mi dispiace che siano persone che non ne possono più, le capisco, ma se sbagliamo qualcosa adesso ci giochiamo l'estate. E' inutile paragonarci con l'estero».

La D'Urso chiede a Di Maio aggiornamenti anche sui pagamenti e la cassa integrazione: «Noi oggi abbiamo un problema di ritardo sulla cassa integrazione inaccetabile, dico alle regioni facciamo squadra, se serve mettiamo più persone a lavorare, ma non è possibile che la cassa integrazione in deroga non sia stata erogata, però possi dire che almeno tre milioni di persone stanno accedendo ai beni di prima necessità grazie al reddito di cttadinanza​».
Ultimo aggiornamento: Lunedì 11 Maggio 2020, 00:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA