Luca Tacchetto, l'italiano rapito in Burkina Faso e la fidanzata liberati: prigionieri da dicembre 2018

Luca Tacchetto e la fidanzata liberati in Burkina Faso: furono rapiti a dicembre del 2018
È stato liberato Luca Tacchetto, l'italiano rapito in Burkina Faso nel dicembre 2018 assieme alla fidanzata canadese, Edith Blais. Lo apprende l'ANSA da fonti qualificate. Contatti sono stati in corso dal mattino tra il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il suo omologo canadese Champagne.
 
 


L'operazione è stata seguita anche dall'Unità di Crisi della Farnesina e ha visto coinvolta la missione dell'Onu in Mali Minusma (Missione delle Nazioni Unite in Mali). I due si troverebbero, in buone condizioni, e starebbero tornando a Bamako per poi far rientro in Italia. 

«In questo momento di difficoltà per il Paese arriva una buona notizia: il nostro connazionale Luca Tacchetto è libero. L'ho appena sentito al telefono e sta bene. Ho sentito anche il padre». Lo scrive il ministro degli Esteri Luigi Di Maio postando una foto di Tacchetto. «Grazie a tutti gli apparati dello Stato che hanno lavorato per riportarlo a casa. Continuiamo a dare il massimo ogni giorno. L'Italia va avanti, a testa alta», scrive ancora il ministro. «Luca era stato rapito più di un anno fa in Burkina Faso da una cellula jihadista. Qui lo vedete in foto, scattata poco fa (insieme alla canadese Edith Blais, anche lei liberata)», scrive Di Maio nel suo post pubblicando una foto di Tacchetto e della compagna.
 
Ultimo aggiornamento: Sabato 14 Marzo 2020, 15:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA