Luca Sacchi, i genitori a Porta a Porta: «Tra Anastasiya e Princi uno sguardo strano, gli dicemmo di stare attento»

Giovanni Princi «non mi è mai piaciuto ma i figli non sempre ti ascoltano. Ti dicono 'Sei troppo esagerata e protettiva'». Lo ha detto a Porta a Porta Tina, la mamma di Luca Sacchi il giovane personal trainer romano ucciso il 23 ottobre scorso nel quartiere dei Colli Albani. A Bruno Vespa che le chiede perché non gli piacesse, la signora ha risposto: «Era maleducato, faceva come voleva lui, aprire il frigorifero. In casa mia nessuno fa cosi».

Leggi anche > Luca Sacchi, come Anastasiya, usava l'app criptata di messaggi. L'amico: «Mi ha inviato un sms su Signal alle 22,30...»​

Leggi anche > Del Grosso al gip: «Non volevo uccidere, era la mia prima volta con un'arma in mano»​​



«Anastasiya per me era come una figlia. Stavamo insieme e ci divertivamo. Facevamo sempre scherzi, Luca era cosi. Luca manca da morire»
. Ha aggiunto la donna. «Io credo che sia stato Princi a raggirare Anastasiya», ha detto il padre Alfonso. Durante l'intervista l'uomo riferisce di aver detto al figlio, «stai attento a chi hai vicino. Non pensare che tutte le persone sono buone come te»

«Tra Giovanni e Anastasiya posso dire solo che nell'ultima vacanza insieme ad agosto ho notato uno sguardo strano, di intesa, che mi ha dato fastidio. Ho detto a mio figlio di stare attento a chi aveva vicino, poi non ho visto altro». Ha detto ancora Tina Galati. D'accordo con lei il padre di Luca, Alfonso: «Credo sia stato Princi ad aggirare Anastasiya - dice - prima non era così, era una brava ragazza. Credo ultimamente sia cambiato qualcosa, che lui (Giovanni Princi, ndr) l'abbia manipolata. Dissi a Luca di stare attento a chi aveva vicino, riprendendo il consiglio della mamma».
Martedì 3 Dicembre 2019, 19:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA