Chi era Luca Attanasio, ambasciatore ucciso in Congo. Due anni fa diceva: «Qui i giovani trasmettono gioia di vivere»

Video

Luca Attanasio, chi era l'ambasciatore italiano ucciso stamattina in un attacco in Congo. Nato a Saronno (Varese) 43 anni fa, il diplomatico era sposato con Zakia Seddiki, fondatrice e presidente dell'associazione umanitaria 'Mama Sofia' a sostegno delle donne in Africa. Padre di tre bimbe, con la moglie lo scorso ottobre aveva ricevuto il Premio Internazionale Nassiriya per la Pace.

 

Leggi anche > Congo, morti l'ambasciatore italiano e un carabiniere in «un tentativo di rapimento»

 

Laureato alla Bocconi con il massimo dei voti, aveva intrapreso la carriera diplomatica dopo una prima esperienza aziendale ricoprendo diversi incarichi, prima all'Ambasciata d'Italia a Berna (2006-2010), poi console generale reggente a Casablanca, in Marocco (2010-2013). Dopo essere rientrato nel 2013 alla Farnesina, come Capo Segreteria della direzione generale per la mondializzazione e gli affari globali, era tornato nel 2015 in Africa quale primo consigliere presso l'ambasciata d'Italia ad Abuja, in Nigeria. Dal 5 settembre 2017 era capo missione a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, dove era stato riconfermato in qualità di Ambasciatore Straordinario Plenipotenziario accreditato in RDC.

 

 

 

Diceva: qui i giovani trasmettono gioia

 

«Sarebbe ingiusto dire che è un Paese dove prevalgono le violenze rispetto ad altri aspetti», è «un paese che ha una popolazione in larga parte giovane che è veramente capace di trasmetterti una grandissima gioia di vivere». Parlava così della Repubblica Democratica del Congo l'ambasciatore Luca Attanasio in una intervista a Radio Vaticana del luglio 2019 che il portale della Santa Sede ripropone oggi in apertura. Parlando di ebola, l'ambasciatore, ucciso oggi, era preoccupato dei «minori rimasti senza genitori» che in quella società dove «le credenze prevalgono» rischiavano di essere «stigmatizzati, ovvero considerati colpevoli per quello successo ai genitori. Sarà un aspetto sociale delicato da seguire». 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 22 Febbraio 2021, 15:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA