Luana D'Orazio, spunta l'audio inviato al fidanzato: «Macchinario mezzo tronco». La madre: «Lavorava sempre sola»

Luana D'Orazio, spunta l'audio inviato al fidanzato: «Macchinario mezzo tronco». La madre: «Lavorava sempre sola»

Proseguono le indagini per accertare le cause dell'incidente sul lavoro in cui ha perso la vita Luana D'Orazio, l'operaia 22enne e giovane madre morta stritolata da un orditoio in una fabbrica tessile lo scorso 3 maggio a Oste, Prato. Elementi utili potrebbero arrivare da un audio inviato dalla ragazza al fidanzato in cui parla di «un macchinario mezzo tronco» (ma non è chiaro di quale si tratti, se del macchinario che poi l'ha uccisa o di quello gemello). 

 

Denise Pipitone, il video choc in esclusiva a Quarto Grado: «Con alta probabilità è Denise»

 

La procura di Prato, guidata da Giuseppe Nicolosi, agli atti ancora non ha l'audio inviato da Luana al fidanzato in cui parlerebbe delle condizioni di lavoro, visto che i consulenti legali della famiglia della vittima al momento non l'hanno depositato. «E comunque - fanno sapere fonti investigative - per noi adesso sono rilevanti altri aspetti». A proposito del messaggio audio, le indiscrezioni uscite in questi giorni hanno provocato intanto la reazione di Alberto Rocca, legale che rappresenta la titolare dell'azienda dove lavorava Luana. «Trovo inaccettabile che mentre è in corso un'inchiesta penale si corra a disvelare un audio non consegnato al pm, celando la fonte e su quell' audio costruire tesi di accusa», ha detto l'avvocato alla «Nazione».

 

 

 

La madre: «Lavorava sempre da sola»

 

«Quando tornava a casa mi raccontava che lavorava tanto e che era quasi sempre sola. Io le raccomandavo di dire qualcosa in azienda, ma lei rispondeva che tanto era inutile, che faceva quello che le veniva detto. Però mi aveva anche raccontato di aver fatto presente che lei non poteva stare sola, doveva essere affiancata da qualcuno in quanto apprendista e che se ci fosse stato un controllo ci sarebbero stati problemi». Lo ha  raccontato alla «Nazione» Emma Marrazzo, madre di Luana D'Orazio. La donna ricorda poi che la figlia lavorava da due anni in azienda, quindi conosceva il macchinario che usava e «sapeva quello che faceva», come aveva già avuto modo di sottolineare, ma certo adesso più che mai vuole «tutta la verità, perché tragedie come questa non si ripetano mai più».

 

La messa in ricordo di Luana

 

La famiglia di Luana sta provando faticosamente a ricostruire una normalità che è ancora lontana. Intanto tenendo vivo il ricordo della giovane. Il prossimo 5 giugno, nella chiesa di Spedalino Asnelli ad Agliana, dove lo scorso 10 maggio è stato celebrato il funerale dal vescovo di Pistoia Fausto Tardelli, si terrà una messa in ricordo della 22enne.

 

Le indagini: la scatola nera dell'orditoio

 

Dopo il nuovo sopralluogo nella ditta di Oste per portare avanti la perizia sul macchinario che ha ucciso l'operaia, ci si sta concentrando sui dati della scatola nera dell'orditoio, che devono essere decifrati. Nei prossimi giorni, invece, verrà interrogato il manutentore indagato insieme alla titolare dell'azienda. Gli inquirenti cercheranno di valutare anche il rispetto delle norme antinfortunistiche, attraverso l'esame approfondito dell'abbigliamento che la giovane mamma indossava lo scorso 3 maggio mentre stava lavorando nell'Orditura Luana. Finora i periti avrebbero accertato che, come già verificato con l'orditoio gemello presente nella stessa azienda, anche in quello affidato a Luana erano disattivati i dispositivi di protezione. Sicuramente la scatola nera, una volta decrittata dai periti grazie all'aiuto dei tecnici della ditta tedesca Karl Mayer, azienda costruttrice dell'orditoio, potrà fornire dettagli in più sulla fase di lavorazione in cui si trovava il macchinario affidato a Luana nel momento in cui l'operaia è stata agganciata e schiacciata dai rulli attorno ai quali si avvolge il filato. È questa la prova decisiva per ricostruire l'esatta dinamica della tragedia.


Ultimo aggiornamento: Sabato 29 Maggio 2021, 12:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA