Anna insegna sesso ai disabili: «Ma in Italia mi trattano come una prostituta»
di Michela Poi

Love Giver, Anna insegna sesso ai disabili: «In Italia trattata da prostituta»

Anna Pierobon, 34 anni, è una delle prime operatrici all’emotività, affettività e sessualità per disabili (O.E.A.S) in Italia. Una laurea in filosofia e un lavoro da fotografa, ha iniziato senza paura il suo percorso presso il comitato per l'assistenza sessuale alle persone con disabilità «Love Giver», andando dritta contro tabù e pregiudizi.



Come si è avvicinata al mondo dell’assistenza sessuale?
«Ho la fortuna di avere una formazione laica e un buon rapporto con la sessualità. E poi, tutto parte da un presupposto semplice: tutti dobbiamo impegnarci in qualcosa che vada oltre noi stessi. Ciascuno secondo le proprie inclinazioni e possibilità».

E lei ha scelto di diventare un’Oeas. Che cosa significa?
«Significa prendersi cura di persone con disabilità (fisica, psichica o cognitiva) e guidarle nella gestione della propria sessualità, con lo scopo di renderle indipendenti nell’ambito sessuale».


Foto di Anna Pierobon 

Nella pratica, come?
«Ogni percorso è diverso e personalizzato. In ogni caso si tratta di educazione alla masturbazione. Sempre allo scopo di rendere autonoma la persona. Ovviamente esistono dei limiti precisi: nessun tipo di rapporto fisico né orale, né baci, per intenderci».

Spesso si pensa che siano solo uomini ad aver bisogno di questo tipo di assistenza.
«È molto triste che ancora vengano fatte queste distinzioni. L’esigenza è assolutamente alla pari, tanto che negli anni le richieste da parte di donne sono cresciute».

E i pregiudizi verso la sua professione, ci sono?
«Tanti. Soprattutto da chi non vive e non conosce il problema. Spesso chi ha una disabilità viene percepito come assessuato, o si pensa che la sua salute sessuale non importi. E questo è un tema ancora poco conosciuto e quindi facilmente travisabile».

Bus senza pedana, prete in carrozzina lo blocca: «Rispettateci». E Atac ne manda un altro

In che senso?
«Molti confondono l’assistenza sessuale con la prostituzione, ad esempio. Ma sono due cose ben diverse. Il mio intervento è educativo e di supporto, non una prestazione sessuale».

E le critiche?
«Non mi hanno mai spaventata, anzi. Le offese gratuite che piovono da chi non ha tempo per pensare prima di aprire bocca, non mi fanno effetto. Soprattutto se chi parla si nasconde dietro un computer. A fare i leoni da tastiera siamo buoni tutti. La verità è che se il problema non tocca direttamente te è facile parlare, le sofferenze altrui spesso ci colpiscono giusto i 60 secondi di uno spot pietistico che passa in televisione».
Lunedì 22 Luglio 2019, 05:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA