Quando si vedranno i primi risultati dell'allentamento del lockdown: ora gli effetti non sono ancora visibili
di Alessia Strinati

Coronavirus, quando si vedranno i primi risultati dell'allentamento del lockdown: ora gli effetti non sono ancora visibili

Il prossimo 18 maggio ci saranno ulteriori allentamenti del lockdown, ma le conseguenze si vedranno solo tra qualche giorno, qualora dovessero essercene. Ora sembra che la situazione stia migliorando, in base ai dati dei test e delle persone ricoverate in ospedale e nelle terapie intensive, ma per gli esperti non è il momento di abbassare la guardia. 

Leggi anche > Virus: lo studio, dopo la quarantena serve il test. A San Marino il 15% degli asintomatici è risultato positivo


I veri effetti dell'allentamento delle misure si vedranno dopo il 18 maggio, quando si potranno rivedere gli amici e riapriranno altre attività tra cui bar e ristoranti.  A lanciare l'allarme è la fondazione Gimbe, che si occupa di ricerca in ambito medico e sanitario e che da mesi ormai monitora l'evoluzione del covid. L'epidemia è ancora in atto e in queste ore si attendono le pagelle del ministero della Salute che mostreranno la sitazione, Regione per Regione, dopo lo scorso 4 maggio. Da risultati si capirà chi è pronto per alcune riaperture e chi no.

C'è ancora bisogno di cautela e le tempistiche sono chiare. Il tempo medio tra un contagio e la comparsa di sintomi è di 5 giorni, con un range da 2 a 14 giorni. Bisogna poi considerare i tempi necessari per arrivare alla diagnosi: va richiesto il test, eseguito il tampone, analizzato in laboratorio e compilato il referto. Un processo che richiede tra i 9 e i 10 giorni per confermare o meno un contagio, quindi nei prossimi giorni si potranno capire gli effetti dei primi allenti. Gli effetti delle aperture del 4 maggio di fatto, non sono ancora visibili e quelli del 18 si avranno solo a fine mese. 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Maggio 2020, 15:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA