Lo studio Usa: i vaccinati contagiati dal Covid sono poco infettivi. Burioni: «Meno virus nella gola»

Video

Uno degli argomenti più diffusi tra i no vax o tra gli scettici del vaccino o semplicemente tra chi è ancora terrorizzato dalla pandemia di coronavirus è il seguente: essere vaccinati non protegge dall'infezione, e quando si è infetti si è contagiosi come gli altri. Ma da uno studio emerge l'esatto contrario: lo scrive oggi il virologo Roberto Burioni, docente all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

 

Leggi anche > Green pass, ipotesi tamponi gratis: ecco in quali casi

 

Burioni su Twitter cita una ricerca americana: da uno «studio Usa su pazienti vaccinati» contro Covid-19 «che si sono comunque infettati» emerge «un dato interessante: è che hanno molto meno virus nella loro gola rispetto ai non vaccinati, ed è quindi ragionevole pensare che i vaccinati siano molto poco infettivi. Chi si vaccina protegge se stesso e gli altri», twitta il virologo. Una buona notizia, l'ennesima per chi crede nella scienza e nel vaccino.

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Luglio 2021, 16:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA