Il dramma del piccolo Leo, morto a 10 anni: dalla nascita combatteva con la Sindrome di Rett

Il ricordo commovente della madre che lo ricorda sempre con il sorriso stampato in volto, nonostante la rarissima malattia che lo accompagnava dalla nascita

Il dramma del piccolo Leo, morto a 10 anni: dalla nascita combatteva con la Sindrome di Rett

Il piccolo Leonardo è morto. Il bambino affetto dalla sindrome di Rett, una malattia rarissima, era ricoverato dallo scorso 30 agosto all’ospedale Gaslini di Genova dove combatteva contro la patologia degenerativa che purtroppo lo ha accompagnato per tutti i 10 anni della sua vita.

Leggi anche > Lua, la bimba di 5 anni con la Sindrome di Rett: si calma per magia con la voce di Bocelli

I funerali

 

«Non poteva parlare ma comunicava tutto con lo sguardo. E con le sue risate, fragorose, contagiose, che ti trascinavano», queste le parole di mamma Cristina che ha voluto ricordarlo al Secolo XIX. Domani, mercoledì 9 novembre, alle 11,30, alla chiesa di Sant’Anna di Rapallo si terranno le esequie del suo Leonardo, conosciuto da tutti come bimbo Leo. 

Il record di Leonardo

Leonardo nel suo piccolo ha stabilito un record di sopravvivenza visto che, statisticamente, i maschietti afflitti dalla sindrome di Rett «non nascono nemmeno o vivono pochissimo. Lui è stato un vero eroe, ha lottato sempre e ha amato la sua vita», spiega Cristina. Una vita segnata da trattamenti lunghi e dolorosi, ma sempre affrontati con coraggio e con un sorriso che era contagioso e rincuorava medici e infermieri che per anni lo hanno aiutato. «Si alzava con il sorriso, sempre. Ed è cresciuto ad amore e ravioli, quelli dei nonni. Vederlo mangiare era una gioia», ricorda ancora la madre.

Niente fiori

La famiglia di Leonardo chiede, al posto dei fiori, contributi a ‘Il guscio dei bimbi', l’hospice diretto da Luca Manfredini, «dove abbiamo trovato un’umanità straordinaria, così come alla scuola Pascoli, con il preside Giacomo Daneri, dove Leo è entrato l’anno scorso».

Cos'è la sindrome di Rett

La sindrome di Rett è una malattia genetica rara che interessa lo sviluppo neurologico. Colpisce prevalentemente le femminucce (un bambina su 10.000) e porta a rallentamento dello sviluppo e regressione psicofisica, riduzione delle capacità di socializzare e comparsa di movimenti stereotipati delle mani.


Ultimo aggiornamento: Martedì 8 Novembre 2022, 19:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA