Ascensori guasti in tribunale: dipendente portato in spalla dai colleghi per sei piani

Ascensori guasti in tribunale: dipendente portato in spalla dai colleghi per sei piani

Sei piani con in spalla il collega con problemi di deambulazione. Per due volte al giorno. Perché non funziona nessuno degli ascensori del Palazzo di Giustizia del Salento, a  Lecce. Un problema che dovrebbe riguardare il quadro elettrico centrale ha messo fuori uso tutti e dieci gli ascensori del palazzo di viale Michele De Pietro. Sei piani più il seminterrato senza ascensori. Con in pratica, anche il rallentamento dell'attività giudiziaria vista l'impossibilità di trasportare i faldoni con i carrelli.

Il collega portato in spalla perché non può salire le scale

Chi ne sta facendo le spese in prima persona sono l'assistente giudiziario Damiano Pano ed i colleghi dell'ufficio gip/gup del quinto piano. Trentuno anni, con problemi di deambulazione, Damiano Pano racconta le peripezie che sta affrontando in questi giorni: «Parcheggio nel seminterrato e solo grazie alla direttrice aministrativa Vincenza Malorgio e a Luigi Serio riesco a raggiungere l'ufficio: Luigi mi prende in spalla e mi porta su. Lo ha fatto ieri, lo ha fatto oggi ma per me è umiliante. Oggi quando alle 15.30 terminerà il turno sarò costretto a chiedere nuovamente aiuto, possibile che in un ufficio pubblico accadano certe cose?».

I precedenti

E' un problema ricorrente, quello del malfunzionamento degli ascensori a Palazzo di Giustizia. Un problema che talvolta ha visto avvocati, magistrati e personale delle cancellerie rimanere bloccati nelle cabine con l'intervento dei vigili del fuoco e del 118. Anche Damiano Pano ne sa qualcosa: «Sei anni, quando ero ancora uno stagista, accadde la stessa cosa: ascensori bloccati per 14 giorni».

Nessun cartello

Peraltro questa volta non è stato messo alcun cartello per segnale il disservizio. Bisogna premere il pulsante di chiamata per accorgersi che il quadro sia spento.


Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Dicembre 2021, 09:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA