“Le pagine della terra”, nasce il premio letterario green. Vanzina: «Chi scrive deve coltivare e diffondere questo tema»

“Le pagine della terra”, nasce il premio letterario green. Vanzina: «Chi scrive deve coltivare e diffondere questo tema»

È nato oggi a Roma  il «Premio Le Pagine della Terra» come risposta ad una partecipazione profonda ed attiva sul grande tema della tutela dell’ambiente, della nostra vita e la sostenibilità del Pianeta e di tutti gli esseri viventi di cui ne sono l’essenza. La cerimonia di premiazione si terrà a Venezia il 13 novembre presso le sale Apollinee del teatro La Fenice. Un premio letterario assolutamente nuovo, che si pone l’obiettivo di mettere lo scrittore e l’opera letteraria, il romanzo, all’apice di un contenuto fortemente educativo e in grado, come tutti i romanzi letterari, di poter modificare la visione del mondo.

 

Leggi anche > Eurovision Song Contest 2022, ecco le diciassette città candidate: ci sono anche Roma e Milano

 

«Il premio vuole essere un acceleratore culturale per cambiare la prospettiva, per ricollocare l' uomo in un equilibrio nuovo col mondo esterno - spiega la fondatrice Vera Slepoj -.  Imparare a non consumare ma a proteggere per il bene comune». Una visione che veda l’ambiente, la tutela degli alberi, del mare, delle montagne, degli animali e del nostro stesso modo di vivere al centro della costruzione delle storie e dei contenuti letterari.

 

«Per tanto tempo il green è stato considerato letteratura della marginalità - ha detto durante la presentazione Giovanni Grasso, giornalista, scrittore e consigliere del Presidente Della Repubblica -. Oggi diventa centrale, e mi piace sottolineare un argomento che cita sempre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, cioè l'attenzione alle aree rurali del Paese». 

I membri della giuria, di assoluto prestigio, sono stati voluti fortemente dall’imprenditore della moda Claudio Cutuli, che della sostenibilità la chiave della propria azione. «Il concetto di sostenibilità deve diventare un modello di sviluppo per consegnare ai nostri figli un pianeta in salute - ha detto Cutuli in conferenza stampa -. Fare scelte a basso impatto ambientale. Io sono stato ispirato dal laboratorio di tessuti di mio padre, dove questi vengono tuttora creati con ortiche, querce e faggi, e dove l'ecosostenibilità è imprescindibile. Il green è un tema non di moda ma di responsabilità». 

 

I presidenti di giuria saranno Enrico Vanzina ed Ermete Realacci. Fra i giurati ci sono, tra gli altri, Giovanni Grasso, giornalista e scrittore, gli scrittori Paolo Cognetti e Gaetano Cappelli, il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano, la presidente di Mare Vivo Rosalba Giugni, Laura Lega, capo dipartimento dei vigili del fuoco, il generale Antonio Pietro Marzo, comandante unità forestali e ambientali, Vincenzo Pepe, presidente nazionale FareAmbiente e Mario Tozzi, geologo e scrittore. 

 

«Non bisogna delegare alla politica la cura dell' ambiente ma dare il nostro personale contributo - dichiara il presidente di giuria Enrico Vanzina -. Anche la letteratura e chi scrive ha il dovere di coltivare e diffondere questo valore». 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Luglio 2021, 18:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA