Laura Ziliani, Storie Italiane: «Nel caso potrebbe essere coinvolto un gruppo di persone»

Laura Ziliani, Storie Italiane: «Nel caso potrebbe essere coinvolto un gruppo di persone»

Il caso, ancora avvolto dal mistero, potrebbe nascondere altre persone coinvolte nell'omicidio e la pista dei riti satanici sembra sempre più avvalorata

Eleonora Daniele a Storie Italiane affronta, ancora una volta, il caso di Laura Ziliani, sottolineando come la pista dei satanisti sembra essere sempre più convincente. Laura sarebbe stata probabilmente uccisa non solo dalle figlie e da Mirto, ma potrebbero essere coinvolti altri soggetti nel delitto, magari convinti dal fatto di poter avere del denaro in cambio.

 

Leggi anche > Valerio Duro trovato morto a 18 anni: era scomparso domenica a Roma. «Si è buttato dal ponte di Ariccia»

 

Laura aveva confessato poco prima di morire a una sua amica di essere molto preoccupata per la terza figlia, quella non indagata, motivo per cui aveva scelto di ripartire la sua eredità in modo non equo, dando maggiori beni proprio a lei, per far sì che potesse avere la disponibilità economica che le seriviva quando lei non avrebbe più potuta assisterla. Questo avrebbe indisposto le figlie e le avrebbe poi spinte al gesto estremo.

 

La pista dell'omicidio nella casa colonica in cui si farebbero i riti satanici è sempre più forte. L'ordinanza parla una doppia sepoltura in un primo momento sarebbe avvenuta in un luogo riparato che ne ha ritardato la decomposizione, un luogo chiuso e asciutto che potrebbe essere stata proprio la casa colonica in cui si svolgerebbero i riti. I locali hanno però raccontato che le messe sataniche vengono fatte da persone che non sono nel luogo, ma  in diversi sostengono che Mirto sia vicino a queste persone e che partecipasse a questi riti.

 

L'ipotesi, quindi, è che possa esserci un gruppo di persone dietro il delitto e che forse dietro la mail anonima inviata, molto difficile da mandare, si celi una di queste persone.

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Ottobre 2021, 18:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA