Calci, pugni e insulti dal compagno: lei lo lascia e si risveglia nella casa che sta andando a fuoco

Otto mesi di relazione violenta, botte e minacce continue finché la donna non si è svegliata con la casa in fiamme, quando ha messo il fidanzato alla porta

Calci, pugni e insulti dal compagno: lei lo lascia e si risveglia nella casa che sta andando a fuoco

di Redazione web

Dopo aver subito calci e pugni, ricevuto insulti pesanti e continue minacce ha deciso di lasciare quel compagno violento, di 20 anni più giovane di lei. Dopo averlo messo alla porta, si è svegliata e l'appartamento in cui vive stava andando a fuoco. Una storia drammatica, ed un femminicidio scampato quello che racconta il Corriere di Viterbo e che ha per protagonista una donna di 50 anni, che dopo la fine del matrimonio, si sarebbe invaghita di un uomo di 31 anni.

Incidente tra 3 auto: due morti ed un ferito grave. «Delle vetture sono rimasti solo lamiere irriconoscibili»

 

Minacciata e picchiata

Otto mesi di violenza, quella perpetrata dal 31enne nei confronti della donna, dal luglio 2021 al marzo dell'anno successivo, finché la vittima degli abusi continui non ha deciso di mandarlo via dal suo appartamento, ma lui non voleva andarsene. Dopo l’ennesima lite, la donna ha fatto la sua scelta, quella di mettere ciò che appartiene al fidanzato violento fuori dalla porta di casa.

Ma al mattino, intorno alle 6.40 quando suona la sveglia, la donna sente odore di fumo nella stanza che ha già invaso il resto dell'abitazione. E' la porta principalre che sta bruciando. La donna chiede subito aiuto al telefono, chiama i carabinieri e l'ex-marito, che l'aiuta a spegnere il rogo.

Il padre minaccia la mamma con un coltello, figlia gli salta alle spalle e salva tutta la famiglia

 

A processo

Nonostante sia convinta che la responsabilità sia del 31enne, non ci sono prove contro di lui. Ma ci sono diversi amici della vittima e testimoni della violenza che l'uomo ha spesso riversato nei confronti della compagna, oltre alle foto dei traumi fisici subiti che la donna ha inviato via whatsapp alle persone fidate. Elementi che hanno fatto scattare prima la denuncia nei confronti del violento, accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate, poi il processo a suo carico.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 1 Dicembre 2022, 09:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA