Lancia sassi sull'A1, tra i feriti anche una deputata leghista: «Era fuori controllo». L'egiziano fermato col taser

Lancia sassi sull'A1, tra i feriti anche una deputata leghista: «Era fuori controllo». L'egiziano fermato col taser

Caos e paura sull'autostrada A1, dove un uomo avrebbe lanciato sassi contro le auto all'altezza di Lodi. E tra i feriti c'è anche una deputata della LegaClaudia Gobbato, che in un post - con video allegato - sul suo profilo Facebook racconta quello che è accaduto: «Questa mattina, mentre portavamo i bambini per qualche giorno al mare, imboccata l'A1 a Lodi, dopo qualche chilometro, un pazzo, straniero e totalmente fuori controllo, ha iniziato a lanciare pietre sulle auto in transito, tra le quali la nostra. A parte qualche lieve ferita e tanto spavento, ce la siamo cavata e fortunatamente i bambini stanno bene».

L'esponente del Carroccio è uno dei feriti dal 22enne di origine egiziana che ha lanciato diversi sassi contro le auto che viaggiavano lungo l'autostrada A1 all'altezza di Casalpusterlengo (Lodi). «Ringrazio la polizia che è riuscita a bloccare questo delinquente, con l'aiuto del taser, che per qualcuno era inutile e invece anche oggi grazie a questo strumento e all'abilità delle nostre forze dell'ordine, probabilmente si è salvata qualche vita», conclude la parlamentare.

«Mio figlio continua a mimare come faceva. Siamo tutti miracolati», aggiunge la parlamentare leghista Claudia Gobbato, la cui auto è stata centrata sulla A1 dai sassi lanciati dal giovane fermato. «Non li lanciava a caso - sostiene - prendeva la mira, portava il braccio indietro e, prima di scagliarli, saltava pure, così da provocare un danno maggiore. Cose del genere non devono poter accadere».

 

Sono tre i reati che verranno contestati al 22enne che stamattina si è reso responsabile di lancio di oggetti in A1: attentato alla sicurezza dei trasporti, interruzione di pubblico servizio, resistenza a pubblico ufficiale. L'uomo, egiziano, è stato portato in ospedale, sedato e dimesso. Ora si trova in una cella sicurezza della questura di Lodi dove resterà fino alla direttissima di domani mattina. Secondo il procuratore della Repubblica Domenico Chiaro, il suo è stato il «gesto di una persona alterata e solo con ulteriori approfondimenti se ne potrà sapere di più».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 12 Agosto 2022, 19:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA