L'infettivologo Bassetti: «Ho avuto insulti e minacce di morte. La politica ci sta lasciando da soli»

L'infettivologo Bassetti: «Ho avuto insulti e minacce di morte. La politica ci sta lasciando da soli»

L'infettivologo Matteo Bassetti, parlando dell'attacco incendiario alla sede dell'Iss a Roma, denuncia il brutto clima che si respira intorno ai medici e, all'Adnkronos Salute, afferma di aver ricevuto insulti e minacce di morte indirizzati a lui e alla sua famiglia. «C'è un clima bruttissimo, la politica non ci sta aiutando», le parole di Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria.

Roma, incendio doloso all'Istituto Superiore di Sanità: il portone dato alle fiamme

«Noi medici siamo stati lasciati soli. Queste azioni andrebbero condannate immediatamente perché sono attacchi alle Istituzioni, ai medici e alla scienza. Come gli attacchi che io ricevo ogni giorno, solo nelle ultime ore ho avuto minacce di morte e insulti alla mia persona e alla mia famiglia. Questo è il clima che si è creato per una contrapposizione. Ma credo che dietro ci sia il mondo no-vax». 

«Nelle ultime settimane il mondo no-vax, con il caso del vaccino AstraZeneca, ha preso di nuovo vigore. Per questo ci vuole da parte della politica una posizione rigorosa e ferma dalla parte della scienza», aggiunge Bassetti che rimarca anche la necessità di una legge che preveda l'obbligo vaccinale «per i sanitari». «C'è da parte della politica troppa attenzione a quanti voti si perdono e poca al bene comune - avverte - Serve invece una legge che finalmente chiarisca da che parte è l'Italia anche imponendo l'obbligo per gli operatori sanitari altrimenti devono essere licenziati».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Marzo 2021, 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA