L'eterna giovinezza studiata da una startup della Silicon Valley. Tra i finanziatori anche Jeff Bezos?
di Paolo Travisi

L'eterna giovinezza studiata da una startup della Silicon Valley. Tra i finanziatori anche Jeff Bezos?

Conquistare una giovinezza che si prolunga negli anni, raccontata da Oscar Wilde, nel Ritratto di Dorian Gray, sognata da molti, inseguiti da pochi, ma a suon di miliardi di dollari spesi in ricerca. Avrebbe convinto anche l'uomo più ricco del pianeta, Jeff Bazos, patron di Amazon, (almeno stando ad alcune fonti riferite da Technology Review) la start up della Silicon Vallery, Alto LAbs che ha l'obiettivo di raccogliere fondi per sperimentare tecniche genetiche e farmacologiche al fine di ringiovanire le cellule. Una sorta di eterna giovinezza, dall'aspirazione fantascientifica, a cui però sembrano credere diversi imprenditori che hanno già sovvenzionato l'idea; oltre a Bezos, c'è un altro miliardario, il russo Yuri Milner, che deve le sue fortune a Facebook, in cui ha investito già nel 2009.

 

iOS 15, rilasciato il nuovo sistema operativo per iPhone. Ecco le 5 novità più interessanti

 

270 milioni di dollari è la cifra raccolta dalla neonata azienda, i cui servizi, chiaramente fanno gola a uomini molto ricchi che sognano di allungare la loro vita e magari di poter curare malattie neurodegenerative come l'Alzheimer. L'ipotesi alla base della ricerca è ispirata al premio Nobel per la medicina, Shinya Yamanaka, premiato nel 2012, che scoprì la possibilità di "riprogrammare" le cellule facendole tornare a uno stato embrionale, aggiungendo quattro geni.

E sarà proprio lui a guidera la squadra scientifica. Nel team di scienziati assoldato da Altos Labs, infatti, ci sono nomi di peso del settore, tra cui Carlos Izpisua Belmonte, biologo che sperimentò la tecnica scoperta da Yamanaka su alcuni topi di laboratorio. Belmonte ha poi teorizzato di poter estendere la vita umana di altri 50 anni, anche se è tutto da dimostrare visto che gli esperimenti avevano effetti collaterali molto pericolosi, come lo sviluppo di tumori. C'è anche Steve Horvath, che ha dato nome all’orologio di Horvath, una tecnica per calcolare l'invecchiamento di una cellula monitorando quattro parametri epigenetici.


Ultimo aggiornamento: Sabato 25 Settembre 2021, 11:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA