L'allarme choc di Ricciardi: «Le discoteche ambiente ideale per la circolazione del Covid»

L'allarme choc di Ricciardi: «Le discoteche ambiente ideale per la circolazione del Covid»

Il coronavirus si diffonde facilmente nei posti affollati, e la discoteca è uno dei luoghi di maggior rischio: a dirlo è Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Speranza e docente di Igiene alla Cattolica di Roma, secondo cui le discoteche rappresentano un mix 'perfetto' per aiutare il coronavirus a diffondersi: «Sono ambienti ottimali per la circolazione del virus. All'interno di queste strutture abbiamo tutti gli elementi favorevoli al contagio».

Leggi anche > Torna da Mykonos e va in disco senza aspettare l'esito del tampone: ventenne positiva

Secondo Ricciardi, da sempre contrario alla riapertura delle discoteche, «chiunque ragioni in termini di evidenza scientifica - spiega all'Adnkronos Salute - sostiene che le attività che comportano l'impossibilità di mantenere la distanza di sicurezza e di indossare la mascherina, nel caso venga abbassata la distanza, portano ad un aumento dei contagi. È inevitabile». Per Ricciardi, «bisogna essere molto fermi nel cercare di evitare quelle attività che consentono l'abbassamento delle misure di sicurezza: se si favoriscono questo tipo di attività, che sono fatalmente predisponenti alla circolazione del virus, i casi aumentano». 

Leggi anche > Vaccino russo anti Covid, gli esperti lo bocciano: «Potrebbe causare malattie più gravi»

«Le discoteche - precisa - sono un ambiente in cui si riduce la distanza di sicurezza e, al contempo, si emettono particelle virali attraverso la respirazione, il ballo, il canto. In un momento in cui, per altro, le evidenze scientifiche ci dicono che il virus non soltanto si trasmette attraverso i droplets (goccioline emesse nella respirazione) ma anche attraverso l'aerosol, quindi a maggior distanza di due metri. È chiaro che le conseguenze sono quelle di una maggiore diffusione».

La colpa, dunque, «non è dei ragazzi, ma dobbiamo spiegare loro che in questo momento la circolazione del virus dipende soprattutto da loro. E li tocca in prima persona: solo negli Usa la scorsa settimana sono morte 100 persone tra i 25 e i 40 anni», conclude Ricciardi ricordando che «dobbiamo abituarci a una nuova normalità che durerà a lungo, fino a quando non avremo il vaccino».

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Agosto 2020, 14:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA