Jesolo, 4 ragazzi morti nel canale: romeno fermato per omicidio stradale

Il responsabile della morte dei quattro ragazzi a Jesolo ha un nome. Il pm di Venezia Giovanni Gasparini ha sottoposto a fermo con l'accusa di omicidio stradale plurimo e omissione di soccorso l'uomo ritenuto responsabile della morte di quattro ragazzi deceduti in un incidente stradale domenica mattina. 

LEGGI ANCHE Jesolo, auto in un canale: morti quattro giovani, si salva una ragazza

Si tratta di un romeno residente in Italia dal 2012. Il pm ha disposto per lui i domiciliari. Il fermato ha 26 anni e attualmente risiede a Musile di Piave, la stessa località del veneziano in cui abitavano alcune delle quattro vittime. L'automobilista, assistito dal legale di fiducia, è stato sentito per ore dal pm e dal comandante della Polizia municipale di Jesolo, Claudio Vanin.

 
 

I giovani morti nel primo incidente sono tre ragazzi e una ragazza tra i 22 e 23 anni, si tratta di Riccardo Laugeni di San Donà di Piave, Leonardo Girardi, Eleonora Frasson e Giovanni Mattiuzzo, tutti e tre di Musile di Piave.

I vigili del fuoco arrivati dal locale distaccamento e da Mestre con l'autogru, hanno agganciato l'auto ed estratto l'auto recuperando l'ultima persona rimasta all'interno dell'auto purtroppo anche questa deceduta. I ragazzi morti sono tre ragazzi e una ragazza tra i 22 e 23 anni, tutti della zona di San Donà. La polizia locale ha eseguito i rilievi del sinistro sul posto anche i carabinieri.

LE PRIME PAROLE DELLA FERITA E QUELL'AUTO FANTASMA
L'unica sopravvissuta alla tragedia di domenica notte a Jesolo è una ragazza di 22 anni, chiaramente in stato di choc in ospedale, ma le sue condizioni fisiche non sarebbero gravi. Secondo le prime parole rilasciate agli investigatori, un'auto avrebbe urtato la vettura sulla quale viaggiavano i cinque amici, facendola prima volare in un campo e poi capovolgere nel fossato.

LA GOLF E I SORPASSI AZZARDATI. UN FERMATO - SOTTO INTERROGATORIO
«Siamo stati speronati», ha raccontato la 22enne sopravvissuta alla tragedia di Jesolo. E gli inquirenti stanno tentando di capire quale sia stata la reale dinamica di questo terribile incidente. Secondo quanto riscontrato fino ad ora una Golf sarebbe stata segnalata per sorpassi azzardati sulla strada prima del sinistro nel quale sono morti i quattro ragazzi. Gli inquirenti sono risaliti all'uomo alla guida della vettura, che avrebbe segni di uno scontro, che si trova sotto interrogatorio in questo momento. Si tratta di un giovane residente a Musile di Piave.

 

Domenica 14 Luglio 2019, 19:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA