Covid, Iss: «Contagi e morti soprattutto tra non vaccinati, efficacia 2 dosi al 96%»

Video

«La maggior parte dei casi segnalati in Italia sono stati identificati negli ultimi 14 giorni in soggetti non vaccinati» e «si stima un forte effetto di riduzione del rischio di infezione di Sars-CoV-2 nelle persone completamente vaccinate rispetto ai non vaccinati (88% per la diagnosi, 95% per l'ospedalizzazione, 97% per i ricoveri in terapia intensiva e 96% per i decessi)». Questi i dati contenuti nel documento esteso del monitoraggio settimanale dell'Istituto suoperiore di sanità (Iss). In particolare negli ultimi 30 giorni, il 33% delle diagnosi di Sars-CoV-2, il 46% delle ospedalizzazioni, il 71% dei ricoveri in terapia intensiva e il 69% dei decessi sono avvenuti tra coloro che non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino.

 

Covid e green pass, Brusaferro: «È il vaccino il metodo migliore per convincere i no-vax. Efficace anche sulla variante Delta»

 

E sull'efficacia delle vaccinazioni: dal 4 aprile (approssimativamente la data in cui la vaccinazione è stata estesa alla popolazione generale) al 18 luglio 2021, l'efficacia complessiva della vaccinazione, aggiustata per età - si legge nel rapporto - è superiore al 70% nel prevenire l'infezione in vaccinati con ciclo incompleto (70,2%) e superiore all'88% per i vaccinati con ciclo completo (88,2%). L'efficacia nel prevenire l'ospedalizzazione, sale all'81% con ciclo incompleto e al 95% con ciclo completo. L'efficacia nel prevenire i ricoveri in terapia intensiva è pari all'89% con ciclo incompleto e 97% con ciclo completo. Infine, l'efficacia nel prevenire il decesso è pari all'80% con ciclo incompleto e a 96% con ciclo completo. «Queste stime - specifica l'Iss - non sono aggiustate per diversi fattori che potrebbero influire sul rischio di infezione/ricovero/morte e sulla probabilità di essere vaccinato (per esempio, categoria a rischio, comorbidità, ecc.)». 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Luglio 2021, 16:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA