Evacuazione a Ischia, 54 famiglie non vogliono muoversi: «Qui anche dopo il terremoto, non ce ne andiamo»

La pioggia a Ischia continuerà a scendere fino alle 16 di domani

Video

di Redazione web

L'isola di Ischia sta forse attraversando il periodo più difficile della propria storia. A causa del maltempo ci sono stati numerosi smottamenti e frane che hanno ucciso persone e costretto i cittadini a lasciare le proprie abiatazioni. Il terreno però non si ferma, anzi, continua a "scivolare". Questa mattina alle 10 si è verificata l'ennesima frana a Barano d'Ischia lungo la strada che conduce alla spiaggia dei Maronti

Ischia, allerta meteo per possibili nubifragi. Legnini: «A Casamicciola 1.100 persone da evacuare»

Frana Ischia, Musumeci: «Abusivismo tema che non si può più eludere»

Ischia, i morti salgono a 11: identificate le ultime tre vittime, sono Salvatore, Gianluca e la moglie Valentina

Gli irriducibili: 54 famiglie non vogliono lasciare casa

«Siamo rimasti qui persino dopo il terremoto, perché dovremmo andarcene adesso?». A Casamicciola c'è un nucleo di irriducibili che non accetta la moral suasion di vigili urbani e altre forze dell'ordine affinché si abbandonino le abitazioni della 'zona rossa', trovando rifugio in albergo. La scorsa notte 54 famiglie, circa 150 persone, sono rimaste a dormire nelle proprie case: oggi qualcuno ha accettato il trasferimento negli alberghi ma i più non intendono rispettare l'ordinanza di sgombero valida, al momento, fino alle 16 di domenica, attuale scadenza dell'allerta meteo. Misura che, ha sottolineato anche oggi il commissario Giovanni Legnini, non è coattiva e dunque può basarsi solo su informazione e persuasione.

Da piazza Maio a via Parodi, da via Pio Monte della Misericordia a piazza Bagni sono soprattutto gli anziani a non voler lasciare le loro case, ritenendo di essere comunque al sicuro: «Vedete, oggi piove pochissimo, il peggio è passato e il fulmine non cade mai due volte nello stesso punto». A piazza Maio, cuore fragile dell'isola colpito più volte da terremoti ed alluvioni e rimasto semideserto dopo il sisma del 2017, Franco è custode e gestore di una baracca di legno e lamiere divenuta bar ed agorà per i pochi rimasti in quel luogo dopo che la maggioranza delle abitazioni fu abbattuta o irrimediabilmente danneggiata dalla scossa. «Qui - racconta - ci sono almeno quattro famiglie che sono rimaste in casa ieri sera ed hanno bisogno di me, devo preparare loro il caffè o magari una grappa la sera quando fa freddo. Comunque non andrei via neppure con l'allerta meteo rossa; l'alluvione non è prevedibile neppure dai meteorologi».

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Vincenzo, ristoratore tra i più conosciuti a Casamicciola, che abita e lavora in una zona vicino al porto: «C'è stata confusione e poco tempo per prepararsi ad evacuare ma noi restiamo comunque qui, ci sentiamo al sicuro». Un'altra persona, che vuole restare anonima, non ha lasciato casa per via dei genitori anziani: «Non avrei avuto alcuna difficoltà ad andare in hotel ma mi sono trovato davanti il rifiuto assoluto dei miei; mia mamma in particolare, da poco tornata dall'ospedale dopo giorni di degenza, non appena ha saputo della zona rossa è stata presa dal panico e non c'è stato verso di convincerla ad andar via».

Anche a via Principessa Margherita c'è chi ha deciso di non lasciare casa ieri sera, nonostante gli inviti dei vigili urbani: «Non possono obbligarmi ad abbandonare la mia casa, qui ci sono i sacrifici di una vita e sono certo che qui non ci saranno problemi, anche con piogge eccezionali. Siamo in una posizione rialzata e l'acqua può defluire facilmente verso il mare». Intanto una anziana che ha trascorso la scorsa notte in albergo prova a tornare a casa - «vedete, non piove da ore» - mentre i soccorritori provano a spiegarle che l'allerta non è affatto finita, e le forze dell'ordine continuano a pattugliare le vie deserte per prevenire lo sciacallaggio. 

Allerta maltempo

L'isola di Ischia è ancora in preda al maltempo: le condizioni meteo non accennano a migliorare e l'allerta resta gialla. Questa mattina c'è stato un altro smottamento proprio mentre le ricerche per ritrovare altre vittime continuavano.

 

Il comunicato della Prefettura di Napoli 

Ci sono moltissime famiglie che nonostante la situazione critica in cui versa il territorio, non si sono volute allontanare dalle zone di pericolo. Il commissario Giovanni Legnini ha riferito in video collegamento da Casamicciola durante la conferenza stampa della Prefettura di Napoli: «Sono 54 le famiglie che vivono nella zona rossa di Casamicciola, a Ischia, che non si sono volute allontanare dalle loro abitazioni. Nei loro confronti, le forze dell'ordine stanno svolgendo un'opera di convincimento e persuasione, con la notifica dell'ordinanza di evacuazione emessa ieri».

 

 

Allerta meteo prorogata 

Il meteo continua ad essere una minaccia per l'isola di Ischia ma anche per alcune altre zone, come: Napoli, Isole, Area Vesuviana, Piana Campana, Costiera Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, estendendolo anche alle zone Tusciano e Alto Sele; piana Sele e Alto Cilento. Fino alle 16 di domani, domenica 4 dicembre, ci saranno precipitazioni localmente intense. 

 

Ultimo aggiornamento: Domenica 4 Dicembre 2022, 18:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA