Insegue un ladro per aiutare una ragazza derubata, ferroviere si accascia e muore d'infarto

Nella stazione di Santa Maria Capua Vetere, nel casertano, un ladro ruba un cellulare, ma viene rincorso dal ferroviere di 62 anni, nonostante il grande caldo

Insegue un ladro per aiutare una ragazza derubata, ferroviere si accascia e muore d'infarto

Una ragazza viene derubata del cellulare, un ferroviere rincorre il ladro, ma lo sforzo gli provoca un malore e l'uomo si accascia su una panchina e muore d'infarto.

Cadavere di un uomo trovato dentro a un furgone, la macabra scoperta a Rovereto

Movida a Napoli, 15enne accoltellato da uno straniero in piazza ​San Giovanni Maggiore: è grave

 

Corsa fatale

Aveva 62 anni, Carlo Palma, il ferroviere che ha cercato di aiutare una ragazza nella stazione di Santa Maria Capua Vetere, nel casertano, correndo dietro al ladro di 17 anni. Un atto di grande generosità quello del 62enne, che nonostante il grande caldo, non ha esitato a soccorrere una ragazza, vittima di un giovane malvivente.

 

I testimoni

I testimoni della stazione che hanno assistito alla scena, non hanno potuto far altro che chiedere aiuto in soccorso del ferroviere in evidente stato di malessere. Carlo Palma, infatti, dopo aver iniziato la rincorsa del ladro, prima avrebbe rallentato, poi si sarebbe seduto su una panchina, dove avrebbe perso i sensi. Nei minuti successivi, i soccorsi hanno tentato di rianimarlo, ma l'arresto cardiaco, non ha permesso di salvargli la vita. 

Johnny Depp, Kate Moss torna a difendere il suo ex-compagno: «Sono scivolata e lui è corso ad aiutarmi»

 

Stimato dai colleghi

Intorno alla famiglie del ferroviere, originario di Cardito, nel napoletano, dipendente della Direzione Fabbricati Viaggiatori di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana), addetto al controllo delle stazioni si è stretto il cordoglio di tutta l'azienda.

Il cordoglio

Rete Ferroviaria Italiana, «insieme a tutti i ferrovieri, esprime cordoglio e vicinanza alla famiglia di Carlo Palma, deceduto ieri subito dopo aver sventato un furto ad una viaggiatrice». È quanto sottolinea Rfi, esprimendo «dolore e tristezza per la perdita del collega che da 42 anni prestava servizio nel Gruppo Ferrovie dello Stato e si occupava del controllo delle stazioni per la Direzione Fabbricati Viaggiatori. Un uomo di cui tutti i colleghi avranno nostalgia ricordandone l'esempio di solerzia e altruismo». 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Luglio 2022, 16:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA