Colpito da un infarto ma all'ospedale manca il tecnico: grave un 61enne

L'uomo è arrivato all'ospedale di San Timoteo alle 3 di notte, ma il tecnico non c'era. Trasferito a Campobasso solo 4 ore dopo, ora è grave

Colpito da un infarto ma all'ospedale manca il tecnico: grave un 61enne

Colpito da infarto nella notte, viene portato al pronto soccorso ma il tecnico non c'è. È successo a San Timoteo di Termoli, nel Basso Molise. Lo sfortunato paziente è Demetrio Luzzi, un uomo di 61 anni che adesso è ricoverato in gravissime condizioni al Cardarelli di Campobasso, dove è stato trasferito dopo diverse ore di agonia e attesa.

Latina, lasciano la figlia neonata chiusa in macchina durante un litigio: ricoverata in codice rosso, è positiva alla cocaina

Padova, No vax escluso dalla lista di trapianti di polmone. I medici: «Idee paranoiche sul Covid»

 

Tagli al personale, manca il tecnico

L'ennesimo caso di malasanità che riguarda il Sud Italia. A causa dei tagli al personale, fa sapere primonumero.it, che hanno colpito la sanità molisana, è stato impossibile effettuare la procedura d'emergenza durante il primo ricovero a San Timoteo. L'uomo è arrivato in ospedale attorno alle 3 di notte, in condizioni serie. I medici hanno capito che l'uomo aveva  bisogno di una coronografia trombolisi ma sebbene ci fosse disponibile un emodinamista, mancava il tecnico di radiologia adibito a Emodinamica per effettuare l’esame.

 

Il trasferimento dopo 4 ore

Il tecnico necessario alla procedura salvavita non copre più il turno di notte e se una persona è colta da infarto, non può ricevere le cure specifiche, ma si deve affidare alla provvidenza. Demetro Luzzi, è riuscito ad arrivare a Campobasso solo alle 7 del mattino (4 ore dopo il primo ricovero), ed è stato trasferito in Cardiologia in stato comatoso. Le sue condizioni restano critiche. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Agosto 2022, 10:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA