Incendi Sicilia, il premier Draghi firma il Dpcm per lo stato di mobilitazione nazionale in soccorso della regione

Incendi Sicilia, il premier Draghi firma il Dpcm per lo stato di mobilitazione nazionale in soccorso della regione

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato ieri sera il Dpcm con la dichiarazione dello stato di mobilitazione nazionale del sistema di protezione civile, in soccorso alla Regione siciliana.

 

Leggi ancheLaura muore a 36 anni stroncata da un malore poche ore dopo il parto

 

Questa mattina, 1 agosto, si è svolta una riunione di aggiornamento durante la quale è stata decisa la partenza di squadre provenienti da Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e dalle province autonome di Trento e Bolzano. Il Dipartimento è al lavoro per coordinare l'invio di volontari, delle organizzazioni nazionali e delle colonne mobili regionali, che opereranno a supporto delle attività di spegnimento dei roghi. 

Il riconoscimento dello stato di mobilitazione determina un concorso straordinario di risorse extra-regionali sia in termini di uomini che di mezzi appartenenti ai Vigili del fuoco e al volontariato.

«Quello degli incendi - dichiara il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio - è un fenomeno annuale disastroso per il nostro Paese e per i nostri boschi. Quando le Regioni non riescono a intervenire richiedono i mezzi aerei dello Stato. Abbiamo 30 mezzi di cui 15 canadair distribuiti su 16 basi. A questi si aggiungono quelli del meccanismo europeo».

Rimane alta l'allerta della Protezione civile regionale per il rischio incendi e ondate di calore sulla Sicilia previste dalle condizioni meteorologiche di questi giorni.


Ultimo aggiornamento: Domenica 1 Agosto 2021, 17:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA