Ilaria Alpi, chiesta l'archiviazione: «Mai emerso sospetto che 'italiani' avessero eseguito l'omicidio»

Ilaria Alpi, chiesta l'archiviazione: «Mai emerso sospetto che 'italiani' avessero eseguito l'omicidio»

di Simone Pierini

Ilaria Alpi, chiesta l'archiviazione. Per i magistrati della Procura di Roma, si sono «rivelati privi di consistenza gli elementi pervenuti che apparivano idonei, se non all'identificazione degli autori materiali ovvero dei mandanti dell'omicidio, almeno ad avvalorare la tesi più accreditata del movente che ha portato al gesto efferato o ad esplorare l'ipotesi del depistaggio». È quanto scrive il pm nella richiesta di archiviazione inviata al gip dell'indagine sull'omicidio di Ilaria Alpi, la giornalista del Tg3 assassinata assieme all'operatore tv Miran Hrovatin il 20 marzo del 1994. Il riferimento è ad una intercettazione tra due cittadini somali, presente nelle carte di una inchiesta della Procura di Firenze e inviata a piazzale Clodio nell'aprile del 2018, in cui i due, parlando di quanto avvenuto a Mogadiscio, affermano che Ilaria «è stata uccisa dagli italiani»). 

Intercettazione riapre il caso di Ilaria Alpi: «Uccisa dai militari italiani»​

Le ultime profetiche parole della mamma di Ilaria Alpi: «Non farò in tempo»​



Per il sostituto procuratore Elisabetta Ceniccola, inoltre, «mai è emerso il sospetto che 'italiani' avessero eseguito materialmente l'omicidio» e l'assenza di nostri militari per le strade di Mogadiscio il giorno dell'agguato costituisce «un dato incontrovertibilmente pacifico e già accertato in tutti i suoi particolari dalla Commissione Parlamentare d'inchiesta, che provvide ad ascoltare gli ufficiali che ne erano al comando».

Il pm Elisabetta Ceniccola scrive che «la tesi della responsabilità degli italiani nel duplice omicidio fu più volte prospettata e indagata nel corso degli anni ed è sempre risultata priva di concretezza, come anche la responsabilità di Giancarlo Marocchino, il quale, addirittura, ha ottenuto un risarcimento per i danni subiti dalla diffusione di notizie diffamatorie. Fermo restando - aggiunge la procura - che l'ipotesi della responsabilità 'italianà va circoscritta al mandato a commettere l'omicidio poiché non è mai emerso alcun dubbio sulla esecuzione materiale da parte di un commando di cittadini somali».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Febbraio 2019, 13:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA