Delitto Gucci, Reggiani: «Ho fatto tutto per il bene delle figlie, ma mi hanno buttato fuori»

Delitto Gucci, Reggiani: «Ho fatto tutto per il bene delle figlie, ma mi hanno buttato fuori»

«Io ho fatto tutto per il loro bene, perché se loro adesso usufruiscono di St. Moritz, eccetera, è solo a causa della morte del padre... Se oggi hanno l'uso di questa casa, forse è merito mio». Lo ha detto Patrizia Reggiani - condannata a 26 anni come mandante dell'omicidio del '95 del marito Maurizio Gucci e dal 2017 definitivamente libera - in un'intervista a "Storie Italiane", condotto su Rai1 da Eleonora Daniele, rispondendo a quali sarebbero le prime parole che vorrebbe dire alle figlie qualora le incontrasse.

LEGGI ANCHE Delitto Gucci, Patrizia Reggiani torna libera: era stata condannata a 26 anni
LEGGI ANCHE Patrizia Reggiani, dal carcere alla moda: la nuova vita dell'ex lady Gucci condannata per l'omicidio del marito

Sull'attuale rapporto con Alessandra e Allegra, con le quali è in atto un tentativo di conciliazione sull'eredità, Patrizia Reggiani ha spiegato che «non c'è più», aggiungendo che quando si è recata in Svizzera per incontrare i suoi due nipoti «Allegra mi ha buttato fuori di casa». Lady Gucci ha poi ribadito il suo «amore» per le figlie: «passo delle nottate a pensare a loro».

 
 

Lunedì 17 Settembre 2018, 19:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA