Scade il Green pass durante la lezione: insegnante di sostegno costretta a lasciare in aula l'alunna con crisi epilettiche

Scade il Green pass durante la lezione: insegnante di sostegno deve lasciare in aula l'alunna con crisi epilettiche

L'insegnante si sottopone al tampone ogni 48 ore perché soffre di malattie autoimmuni, ma il preside ha attuato le regole

Le scade il Green pass durante la lezione in classe e per questo motivo un'insegnante di sostegno è stata costretta a lasciare l'aula. E' accaduto venerdì a Riccione in una scuola superiore.

 

Leggi anche > Teatri e cinema, verso aumento capienza al 75-80%. E potrebbero riaprire anche le discoteche

 

«Dovevo lavorare fino a mezzogiorno - ha dichiarato la professoressa al Corriere di Romagna - ma all'improvviso, mentre ero in classe, sono stata convocata dal preside. Invitata ad esibire il mio certificato verde, dopo i controlli del caso, sono stata invitata ad uscire, in quanto risultava appena scaduto. Erano circa le 9.30 e in una decina di minuti ho dovuto raccogliere le mie cose ed andarmene. Nell'ora successiva la docente curricolare non era in presenza, ma in collegamento da casa. Perciò di fatto la mia allieva è rimasta sola con i compagni, sotto la vigilanza di un adulto, che fa parte del personale non docente, ma solo io sono in grado di gestire le crisi epilettiche, di cui purtroppo la studentessa soffre».

 

«Non si può fare di tutta l’erba un fascio, - ha aggiunto l'insegnante - ricorro al tampone ogni 48 ore, perché soffro di malattie autoimmuni, ma anche perché mi sono ammalata di Covid lo scorso novembre ed ho ancora i titoli anticorpali altissimi».

«La responsabilità non è del preside che ha eseguito solamente il suo dovere, seguendo le direttive», ha concluso l'insegnante. Il dirigente scolastico ha replicato: «Ho solo provveduto a garantire la copertura per gli alunni».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Settembre 2021, 22:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA