Green pass, termine corretto? Cosa sostiene l'Accademia della Crusca

Green pass, termine corretto? Cosa sostiene l'Accademia della Crusca

Secondo l'Accademia della Crusca 'droplet' e 'booster' «sarebbero da evitare»​

'Green pass'? Non è un'espressione corretta: parola dell'Accademia della Crusca. Durante la pandemia in Italia sono stati coniati termini inglesi, come lockdown, diventati di uso comune. Non sempre, però alcune parole hanno davvero riscontro nell'uso degli anglofoni nativi: è il caso di Green pass che non viene usata nè negli Usa nè in Inghilterra. Lo afferma il presidente dell'Accademia della Crusca, Claudio Marazzini, in un'intervista all'Adnkronos.

 

Leggi anche - Sileri a Domenica In: «Nei prossimi giorni ci sarà un calo dei contagi e dei morti»

 

«Va precisato, tuttavia, che un anglismo non è necessariamente oscuro di per sé - osserva l'illustre storico della lingua italiana - 'no vax' si allinea ad altre forme analoghe come 'no tax', 'no pass', 'no mask', 'no Tap' ecc., e ad altri analoghi costrutti precedenti anche più italiani, come 'no Tav (no + Treno ad Alta Velocità). Credo dunque che no vax sia chiarissimo, nella sua elementarità semantica».

Diverso il caso di parole come 'droplet' e 'booster', sostiene il professore Marazzini: «Queste erano inizialmente ignote alla maggior parte degli italiani, e probabilmente ora sono note, sì, ma superficialmente: non tutti saprebbero spiegarne esattamente il significato, che viene ricavato in maniera approssimativa in base al contesto. Perlomeno, questa è la situazione della maggior parte della gente».

Secondo l'Accademia della Crusca, che ha il compito di custodire il 'tesoro' della lingua italiana, 'droplet' e 'booster' «sarebbero da evitare»: si può certamente invocare il diritto dei cittadini a una comunicazione chiara. Invece 'booster' è finito persino nella modulistica che si firma all'atto di ricevere la terza dose».

 

«La formazione specialistica di molti operatori sanitari, anche di alto livello, li rende ormai troppo spesso refrattari all’uso linguistico della nazione. Infatti, per chi valuta lo stato di salute della lingua, il problema è ancora un altro, e ben più grave, cioè il seguente - spiega Marazzini -: non una sola novità si affaccia all'orizzonte, in questo periodo emergenziale, la quale non porti un nome, autentico o artefatto, in inglese; come se la nostra lingua fosse assolutamente inerte e improduttiva, o perlomeno come se tali fossero, rispetto alla lingua medesima, gli esponenti della classe dirigente che se ne servono. Anzi, che non se ne servono».

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Gennaio 2022, 16:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA