Muore a 74 anni dopo la puntura di una vespa: stroncato da uno choc anafilattico

ella sua casa in via Villa di Sopra, al civico 15, dove si rifugiava per lunghi periodi insieme con la moglie Renata, si è scontrato con un alveare di vespe costruito dalle stesse a pochi centimetri dalla finestra della camera da letto

Muore a 74 anni dopo la puntura di una vespa: stroncato da uno choc anafilattico

E' stata fatale la puntura di vespa per il 74enne Grazioso Sommaggio, ex militare della guardia di finanza in pensione, morto lo scorso sabato nella sua casa di Velo d'Astico, Vicenza. In pochi minuti, il luogotenente è deceduto: la puntura dell'insetto gli ha provocato uno shock anafilattico: a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo da parte dei soccorritori del 118 che sono giunti poco dopo sul posto allertati dai famigliari dell'uomo che hanno assistito impotenti alla scena. 
 

Leggi anche > A 37 anni le diagnosticano l'Alzheimer: «Non ricordo nemmeno il mio nome». La causa è incredibile

I fatti

Intorno alle 23.00 di sabato sera, l'ex comandante della guardia di finanza Grazioso Sommaggio, stava per andare a dormire. Nella sua casa in via Villa di Sopra, al civico 15, dove si rifugiava per lunghi periodi insieme con la moglie Renata, si è scontrato con un alveare di vespe costruito dalle stesse a pochi centimetri dalla finestra della camera da letto. Appena l'ex militare ha fatto per chiuderla è stato punto da una vespa e ha iniziato subito a stare male. I famigliari hanno allertato il 118 essendo a conoscenza dell'allergia dell'uomo nei confronti delle punture di questi insetti. Ma non è servito a nulla. 

Leggi anche > Stupro a Piacenza, la Meloni posta il video choc. Letta e Calenda: «Indegno». E lei ribatte: «Sinistra allo sbando»

Il Giornale di Vicenza riporta come il nido di vespe fosse stato notato, nei giorni precedenti, da una vicina di casa di Sommaggio e così l'uomo aveva provveduto a farlo rimuovere. Ma qualche insetto era rimasto intorno alla finestra, finendo per pungerlo e ucciderlo. 

«Era una bellissima persona – ha raccontato la stessa vicina – sempre positiva, piena d’entusiasmo. Stava bene e lavorava molto. Un uomo attivo». Decorato nel 2005 Cavaliere della Repubblica Italiana, nella sua casa di Velo, comune dove era nato, il 74enne si dedicava a lunghe passeggiate all'orto perchè amava la vita all'aria aperta.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 22 Agosto 2022, 18:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA