Maltempo, tempesta di grandine nel Torinese: oltre 30 centimetri di ghiaccio nelle strade fra Chieri e Carmagnola

Le aziende agricole che effettuano sgombero neve sono state chiamate per sgomberare oltre 30 cm di grandine sulle strade

Video

di Redazione web

Fortissime grandinate hanno colpito la zona Sud e Sud Est della Citta metropolitana di Torino. Gli agricoltori stanno segnalando danni chiamando gli Uffici Coldiretti di Zona di Chieri e Carmagnola. Le aziende agricole che effettuano sgombero neve sono state chiamate per sgomberare oltre 30 cm di grandine sulle strade.

Maltempo, Nord ancora in ginocchio: tempesta di ghiaccio, pioggia fortissima e danni. Niente tregua fino a domenica

 

Grandine nel Torinese: gravi danni all'agricoltura

«Si ripete il copione del 2023 - osserva il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici - Quando abbiamo visto le grandinate sui nostri campi gia nei mesi primaverili. Per le nostre zone, i temporali con grandine erano episodi non frequenti e confinati nei mesi tardo estivi. Da due anni rappresentano un flagello con una frequenza martellante, con un’estensione sempre piu vasta dei singoli fenomeni e una quantita di grandine e una forza dei venti che prima erano considerati eccezionali ma ora stanno diventando la normalita in questo clima ormai praticamente tropicalizzato».

Tra le colture piu colpite il grano, che proprio in questi giorni e in fioritura con gli altri cereali vernini come farro e orzo; il mais, che dopo la semina stenta a crescere visti i continui sbalzi di temperatura e soprattutto gli allagamenti dei campi; i prati stabili, che ormai sono pronti allo sfalcio del fieno maggenco, ma gli agricoltori non riescono a raccogliere questo prezioso alimento per i bovini perche e impossibile entrare con i mezzi agricoli nei prati impregnati e trasudanti acqua.

Il grano ha ormai la spiga formata che deve essere ancora fecondata dall’impollinazione e il fusto gia alto: la tempesta di vento, la grandine e il forte peso di acqua alletta le piante che poi rischiano di interrompere la crescita e di marcire al contatto con il suolo. Un po' la stessa cosa avviene per le erbe mature, fiorite e gia al massimo dello sviluppo. Invece, le giovani piantine di mais vengono soffocate dall’acqua non piu assorbita dal terreno o spezzate dal peso dei chicchi di grandine.

La stessa grandine che si accumula intorno ai fusti e sul terreno sopra le radici ancora giovani crea un microclima invernale che puo aggiungere lesioni dei tessuti tipiche del gelo. Danni si segnalano anche sulle ciliegie ormai praticamente mature e sulle orticole come gli zucchini in pieno campo e soprattutto agli asparagi che sono ancora in piena stagione di raccolto. Ma si ha notizia anche di tunnel di serra scoperchiati.

Grandine anche nella provincia di Pavia

Ha interessato anche la provincia di Pavia la nuova ondata di maltempo che dal pomeriggio di oggi sta coinvolgendo buona parte del Nord Italia. Nel primo pomeriggio una violenta grandinata è caduta nell'area collinare dell'Oltrepò Pavese, nella zona di Val di Nizza (Pavia). La parte più colpita è stata quella attorno alla frazione di Sant'Albano. Preoccupazione soprattutto per i vigneti: eventuali danni potranno essere stimati solo nei prossimi giorni. Nel pomeriggio di oggi i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per rimuovere alcune piante cadute a causa del vento e della pioggia a Pavia e Belgioioso (Pavia).


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Maggio 2024, 20:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA