Carabiniere ucciso, il killer era già stato condannato: accoltellò un uomo in un bar

Giuseppe Papantuono, l'assassino del carabiniere Vincenzo Di Gennaro, «è stato arrestato in flagranza nel febbraio del 2017 per porto e detenzione di coltello» dopo aver accoltellato in un bar un 44enne che riportò una lesione alla schiena giudicata guaribile in 20 giorni.

Carabiniere ucciso, il ricordo: «Bravissimo, disponibile e determinato. Sarebbe diventato comandante a breve»

«È stato processato e condannato alla pena di un anno di carcere per lesioni. Attualmente la sentenza di condanna è in fase di appello»: lo ha spiegato in conferenza stampa il pubblico ministero inquirente del Tribunale di Foggia Ileana Ramundo. Domani - a quanto si apprende - si terrà l'autopsia e probabilmente i funerali del maresciallo Di Gennaro saranno celebrati martedì.

 
 


Giuseppe Papantuono, dopo aver svuotato il caricatore sulla povera vittima e sull'altro militare ferito, il 23enne Pasquale Casertano,  «si è anche aggrappato allo sportello dell'auto dei carabinieri e pronunciato frasi di rabbia. Voleva anche impossessarsi delle pistole dell'Arma». È la ricostruzione fornita dal procuratore capo della Repubblica del tribunale di Foggia Ludovico Vaccaro. L'altro militare della pattuglia «benché ferito si è avviato perché si è reso subito conto della gravità del collega Di Gennaro che poi è deceduto», ha aggiunto Vaccaro. Papantuono «è rimasto aggrappato allo sportello. Solo in curva, nel momento in cui l'autovettura dei carabinieri ha girato verso sinistra, è caduto e lì è stato immediatamente bloccato. Aveva con sé  la pistola priva ormai di munizioni».

Per il procuratore di Foggia quello che colpisce nella vicenda dell'agguato mortale di ieri alla pattuglia dei carabinieri di Cagnano Varano è «l'atteggiamento culturale che porta a reagire a dei controlli e a sparare contro lo Stato: tutto questo esprime un livello di avversione verso lo Stato. In questa mentalità ci vedo il collegamento con la criminalità organizzata».


 
Domenica 14 Aprile 2019, 12:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA