Giulia Cecchettin, rabbia e lacrime al funerale: «Può succedere a altre donne, dobbiamo crescere con la consapevolezza di non diventare mai così»

Le lacrime scorrono amare sulle guance dei presenti, siano essi amici, familiari o sconosciuti che hanno deciso di stare dalla parte di Giulia e di tutte quelle donne che hanno sofferto il suo stesso destino

Video

Le lacrime scorrono amare sulle guance dei presenti, siano essi amici, familiari o sconosciuti che hanno deciso di stare dalla parte di Giulia Cecchettin e di tutte quelle donne che hanno sofferto il suo stesso destino, affinché la violenza sulle donne possa essere eradicata dal sistema una volta per tutte. 

E se è vero che la ragazza sta piangendo, ciò nulla toglie alla rabbia e alla forza delle sue parole, che anzi si fanno più potenti e reali: «Quello che è successo a lei può succedere a altre donne, dobbiamo crescere con la consapevolezza di non diventare mai così».

 

Il discorso di papà Gino

Parole simili sono state pronunciate dal papà di Giulia Cecchettin, che al microfono della Basilica ha dichiarato: «In questo momento di dolore e tristezza, dobbiamo trovare la forza di reagire, di trasformare questa tragedia in una spinta per il cambiamento.

La vita di Giulia, la mia Giulia, ci è stata sottratta in modo crudele, ma la sua morte, può anzi deve essere il punto di svolta per porre fine alla terribile piaga della violenza sulle donne».

Poi, ha continuato: «Grazie a tutti per essere qui oggi: che la memoria di Giulia ci ispiri a lavorare insieme per creare un mondo in cui nessuno debba mai temere per la propria vita».


Ultimo aggiornamento: Martedì 5 Dicembre 2023, 13:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA