Giovanni Custodero, la sorella racconta gli ultimi attimi in vita: «Ha detto: 'mamma abbracciami'...»

Giovanni Custodero, la sorella racconta gli ultimi attimi in vita: «Ha detto: 'mamma abbracciami'...»

Qualche giorno fa un guerriero ha perso la sua battaglia: parliamo di Giovanni Custodero, il giovane calciatore di Fasano che ha scelto la sedazione profonda prima di abbandonare la vita nel suo letto, a Pezze di Greco. Giovanni, malato terminale di cancro, era diventato ormai celebre per la sua coraggiosa battaglia contro la malattia, una battaglia che lo ha visto purtroppo sconfitto.

Leggi anche > Pietro Migliaccio morto nella notte a Roma, addio al dietologo di "I Fatti Vostri". Barbara Palombelli: «Lascia un vuoto immenso»



La sorella Mariana, in un’intervista a La Stampa, ha raccontato dei suoi ultimi momenti in vita, dolci quanto strazianti. Prima della sedazione e del decesso, avvenuto il giorno dopo, Giovanni si è rivolto a sua mamma: «Ha detto ‘mamma abbracciami’ - racconta la sorella - Lei lo ha abbracciato e gli ha cantato la ninna nanna. Dopo, non si è più svegliato».

Leggi anche > L'annuncio prima della morte: «Sono stanco, vado in coma farmacologico»



La sofferenza degli ultimi mesi aveva portato Giovanni a pensare non solo alla sedazione, ma anche all’eutanasia: la sorella nell’intervista e anche in un post sul suo profilo Facebook, conferma tutto. «Se Gio avesse potuto scegliere, avrebbe preferito l’eutanasia. E quando mi ha chiesto se io l’avrei aiutato? Sì, ho risposto senza pensarci un attimo. Perché per una sorella è straziante vedere il dolore di un fratellino stanco e dolorante che chiede a Dio di morire». E ora sia la sorella Mariana che la fidanzata Luana porteranno avanti questa battaglia, la sua battaglia, quella dell’eutanasia per i malati terminali.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 16 Gennaio 2020, 11:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA