Giornata della Memoria, perché si celebra oggi: le commemorazioni in tutto il mondo
di Silvia Natella

Giornata della Memoria, perché si celebra oggi: le commemorazioni in tutto il mondo

Il 27 gennaio in tutto il mondo si celebra la Giornata della Memoria. Tante le iniziative per commemorare le vittime dell'Olocausto con i pochi superstiti rimasti che condividono immagini e testimonianze come Liliana Segre, senatrice a vita, che ha dichiarato di non aver «mai dimenticato, mai perdonato». È stato scelto questo giorno perché il 27 gennaio di 76 anni fa le truppe sovietiche dell’Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz, in Polonia, e scoprirono l'orrore. 

 

Leggi anche > Zolgensma, dopo la campagna di Leggo l'Aifa a lavoro per sbloccare il farmaco per salvare Melissa e i bambini con la Sma

 

LA GIORNATA DELLA MEMORIA

Durante la seconda guerra mondiale milioni di ebrei furono deportati nei campi di concentramento. Per molti di loro fu messa in atto la "soluzione finale", lo sterminio di tutti gli ebrei. Secondo i dati dell’US Holocaust Memorial Museum, le SS tedesche uccisero almeno 960mila ebrei, 74 mila polacchi, 21mila rom, 15mila prigionieri di guerra sovietici e 10 mila persone di altre nazionalità. La Shoah fu un genocidio e a distanza di 76 anni i sopravvissuti ancora in vita sono sempre meno. Il Giorno della Memoria è stato riconosciuto ufficialmente da una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 1º novembre 2005, durante la 42esima riunione plenaria dell’organizzazione.

 

LA GIORNATA DELLA MEMORIA, LILIANA SEGRE

 

La senatrice a vita Liliana Segre, troppo spesso presa di mira dagli haters e dai negazionisti, ha raccontato per decenni l'orrore delle deportazioni. Le sue parole più forti a ottobre alla Cittadella della pace di Rondine (Arezzo): «Mentre ero ad Auschwitz per un attimo vidi una pistola a terra, pensai di raccoglierla. Ma non lo feci. Capii che io non ero come il mio assassino. Da allora sono diventata donna libera e di pace». Non ha mai «dimenticato, mai perdonato», ha spiegato nella sua ultima testimonianza pubblica ricordando la Shoah.

 

LA GIORNATA DELLA MEMORIA, LE CELEBRAZIONI 

Iniziative per ricordare l'Olocausto si svolgono in Italia e in tutta Europa. Molte saranno viruali e sui social a causa della pandemia, mentre le celebrazioni ufficiali della Repubblica italiana si terranno al Quirinale, alla presenza del capo dello Stato, Sergio Mattarella, e del premier dimissionario Giuseppe Conte. Sulla pagina Facebook del Memoriale dalle ore 8 si può partecipare a un tour virtuale nei luoghi simbolo, mentre alle 16 è in programma una diretta Instagram. Rimini è stata scelta come Città italiana della Memoria 2021. Tra gli eventi in programma c'è la mostra online "1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia", a cura della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica contemporanea Cdec di Milano. 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Gennaio 2021, 10:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA