Ricerche di Gioele, oggi in campo Esercito e volontari. Il papà: «Viviana non gli avrebbe fatto del male»

Ricerche di Gioele, oggi in campo Esercito e volontari. Il papà: «Viviana non gli avrebbe fatto del male»

Arriva oggi L'Esercito per le ricerche del piccolo Gioele, il bambino di 4 anni scomparso lo scorso 3 agosto con la madre, Viviana Parisi poi ritrovata morta. Parteciperà da questa mattina con uomini e mezzi della Brigata Aosta alle ricerche del bambino. Un nucleo ricognizione e 3 squadre da 10 persone del 24º reggimento Peloritani di Messina si inserirà nel dispositivo di ricerca della Protezione Civile, coordinato dai Vigili del Fuoco. Le ricerche proseguiranno «a tempo indeterminato», sino a ordine diverso.

Leggi anche > Modica, bambino ucciso di botte. Il papà di Evan: «Li denunciai, ma nessuno ha fermato gli assassini»

Oggi partono anche le ricerche dei volontari radunati dal padre di Gioele, Daniele Mondello, attraverso un appello su Facebook che ha richiamato oltre 300 persone. Il campo base delle ricerche è stato fissato presso il distributore di benzina Ip a Marina di Caronia (Messina), ma Mondello, arrivato in mattinata, non si è fermato e ha proseguito con la sorella, Mariella, in auto, con un gruppo ristretto di amici e parenti per effettuare le ricerche. «Viviana non avrebbe mai potuto fare del male al bambino». Sono le uniche parole pronunciate da Daniele Mondello.

Leggi anche > Donna scomparsa a Crema, fermato un uomo per omicidio e distruzione di cadavere

«Siamo qui e stiano iniziando le ricerche con un gruppo ristretto di familiari - dice Mariella Mondello - gli altri ci raggiungeranno appena si organizzano con i soccorritori». Intanto aumenta il numero di volontari presenti al quartier generale dell'Ip. «Siamo qui per dare il nostro piccolo contributo alla ricerca di Gioele. Siamo amici di Daniele da anni e stiamo soffrendo con lui», dice un amico del papà di Gioele arrivato da Messina. «Sapevamo dei disagi psicologici si Viviana - dice un altro - ma questa storia ci ha sconvolto».
 

 


I vigli del fuoco e la protezione civile hanno avvertito i volontari: «Se trovate qualcosa non dovete toccare niente, mi raccomando. Avvertite subito qualcuno ma senza toccare nulla». 


 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Agosto 2020, 12:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA