Gioele, arrivata la bara per ricomporre i resti ossei. Per sapere se sono del bambino bisognerà aspettare Dna

video
di Ida Di Grazia

Viviana Parisi, arrivata la bara per ricomporre i resti ossei. Per sapere se è Gioele bisogna aspettare Dna. Sono immagini forti quelle trasmesse pochi minuti a La Vita in diretta, quando è arrivato il feretro sul luogo dove questa mattina è stato effettuato, da un ex carabiniere in pensione, il ritrovamento di alcuni resti umani che potrebbero appartenere al piccolo Gioele Mondello.

leggi anche > Gioele, la criminologa Roberta Bruzzone: «Viviana Parisi sapeva che sarebbe stato un viaggio senza ritorno»​

A sei ore dalla segnalazione che ha portato al ritrovamento di resti umani, è arrivata nelle campagne di Caronia una bara che servirà a ricomporli prima di trasferirli all'istituto di medicina legale per l'esame del Dna. Non è escluso che possano appartenere al piccolo Gioele Mondello, il bimbo di 4 anni scomparso il 3 agosto scorso nelle campagne di Caronia insieme con la madre, Viviana Parisi, poi trovata morta a poca distanza dal luogo dove oggi è avvenuta la scoperta. 
 

 

Il procuratore  di Patti, Angelo Cavallo, intervistato dall'inviato de La Vita in diretta ha dichiarato: «Sono resti compatibili con il corpo di un bambino di 3-4 anni», non è stato fatto il nome di Gioele. 

I resti ossei che potrebbero appartenere al piccolo Gioele Mondello, a 200 metri dall'autostrada Messina-Palermo e 400 dal traliccio sotto il quale e' stato trovato il corpo della madre Viviana Parisi. Il magistrato ha detto che «l'autopsia sarà effettuata in tempi brevi, e che serviranno per l'identificazione accertamenti medico-legali e l'esame del Dna». 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Agosto 2020, 18:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA