Gilet arancioni, la troupe di Tagadà aggredita a piazza del Popolo: «Mongoloide, ancora con la mascherina?»

Gilet arancioni, la troupe di Tagadà aggredita a piazza del Popolo: «Mongoloide, ancora con la mascherina?»

Insulti, minacce e qualche spintone, proprio nel momento in cui i leader dei gilet arancioni si apprestavano a salire sul palco. La troupe di Tagadà, la trasmissione di La7 condotta da Tiziana Panella, aveva cercato di avvicinarsi al palco di piazza del Popolo, a Roma, per seguire la manifestazione di protesta ma è stata allontanata a forza da alcuni dei presenti.

Leggi anche > Coronavirus, dichiarata guarita torna positiva: ragazza morta a 24 anni

Proprio mentre la conduttrice era in attesa di collegarsi con piazza del Popolo, l'inviato Luca Sappino e il suo operatore sono stati aggrediti da alcuni manifestanti. Un giovane inizia a minacciare l'operatore che stava riprendendo la piazza: «Se dovete venire a rompere i c...i, andate fuori dal c...o, mongoloide, ma lavori per chi? Che qua la gente muore di fame, c...e». C'è anche un tentativo di aggressione fisica, placato sul nascere da altri manifestanti, come si evince dalla clip pubblicata sul sito di La7.
 

Vedendo la telecamera e l'aggressione alla troupe televisiva, altri manifestanti iniziano a spiegare in maniera accesa, all'inviato, che non è un ospite gradito. «Il virus è una farsa, non è più pericoloso e lo dicono anche medici e professori universitari, la gente neanche si cura più. Cosa pretendete? Dopo tutte le puttanate che avete scritto sulla manifestazione del 30 a Milano...» - rimproverano i manifestanti - «Ancora con la mascherina andate? A forza di indossarla vi si è bucato il cervello».


Ultimo aggiornamento: Martedì 2 Giugno 2020, 16:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA