Gigi Proietti: quando "Leggo" rubò il suo "Cavaliere Nero" e lui ci disse «Bravi!»

Io Gigi Proietti non lo conoscevo. Non avevo il suo numero di cellulare e nemmeno selfie. Per me era “solo” il grande attore che mi aveva incantato e fatto ridere in tanti indimenticabili spettacoli, film e trasmissioni. Lo incontrai una volta sola. Era il 20 settembre 2018 in occasione della festa per il 140 anni del Messaggero. Da pochi mesi ero diventato direttore di Leggo. Lo avvicinai per complimentarmi: gli dissi che su Leggo avevamo inaugurato una rubrica per criticare i ristoranti dove qualità dei piatti, servizio e prezzi non erano buoni. E che quella rubrica, in onore di uno dei suoi sketch più famosi, l’avevamo chiamata “Il Cavaliere Nero”. Lui sorrise: «Bravi voi che lo fate e bravo chi ve lo fa fare. E di questi tempi non è poco». 

 

Leggi anche > Enrico Montesano su Leggo: «Gigi Proietti un grande romano. L'arte a servizio dell'Italia»

 

Nancy Brilli su Leggo: «Gigi, ci resta il tuo enorme talento. Non dimenticarci»


Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Novembre 2021, 11:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA