Giancarlo Tulliani va dalla polizia per denunciare due giornalisti e viene arrestato per riciclaggio all'aeroporto di Dubai

Giancarlo Tulliani va dalla polizia per denunciare due giornalisti e viene arrestato per riciclaggio all'aeroporto di Dubai

ROMA - È finita la latitanza dorata di Giancarlo Tulliani. Il fratello della compagna dell'ex leader di An, Gianfranco Fini, è stato arrestato a Dubai dove era latitante dal 20 marzo scorso. In quella data la magistratura romana ha emesso nei suoi confronti un'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta, in cui è coinvolto lo stesso Fini, su una presunta attività di riciclaggio riconducibile a Francesco Corallo, il «Re delle slot» detenuto dallo scorso dicembre per un'evasione fiscale da centinaia di milioni di euro.

Per i magistrati a Tulliani va attribuita una «strategia criminale reiterata», agevolata da contatti politici e dalla sua capacità di muoversi a livello internazionale che giustifica la detenzione in carcere. L'indagato sarebbe stato fermato ieri mentre si trovava all'aeroporto di Dubai dove si era recato per accompagnare la sua compagna. «L'arresto è legato ad un mandato internazionale disposto dalla Procura di Roma - spiega l'avvocato Madia -. Adesso si avvierà la procedura di estradizione al termine della quale le autorità di Dubai potranno concedere o meno il trasferimento in Italia di Tulliani».

«Giancarlo Tulliani - hanno riferito i legali della famiglia Tulliani - all'interno dello scalo si è imbattuto in due giornalisti italiani ed ha sollecitato l'intervento della polizia lamentando di essere infastidito da questi ultimi. Gli agenti, nell'identificare tutti e tre, hanno scoperto che su Tulliani pendeva un ordine di cattura internazionale e hanno proceduto all'arresto». I due giornalisti, che farebbero parte della troupe di un programma de La7, sono stati lasciati andare. Domani si terrà l'udienza di convalida dell'arresto a Dubai, in attesa dell'esame della richiesta di estradizione.

Come documentato lo scorso aprile da un reportage del settimanale 'Chì, Tulliani a Dubai viveva un esilio di lusso. Al suo arrivo a dicembre ha alloggiato per un mese in un condominio a cinque stelle nel quartiere residenziale di Al Barsha. Alla reception aveva detto di chiamarsi Carlo e usciva la mattina presto. Ogni mattina, racconta il settimanale, gli chiedevano di registrarsi e Tulliani rispondeva sempre di aver lasciato i documenti in camera e che si sarebbe registrato il mattino successivo.

Dopo un mese ha lasciato il condominio senza essersi mai registrato e si è trasferito nel lussuosissimo Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo. L'inchiesta è quella che vede coinvolto anche Gianfranco Fini, d'intesa con Giancarlo e Elisabetta Tulliani, titolari di società offshore, sulla messa a disposizione di conti correnti per ricevere ingenti somme di denaro collegate a Corallo in un meccanismo di operazioni finanziarie svoltesi tra Italia, Olanda, Antille Olandesi, Principato di Monaco e Santa Lucia.

E proprio il rapporto tra Fini e Corallo, secondo l'ipotesi di lavoro della procura, sarebbe alla base del patrimonio dei Tulliani, suocero, cognato e moglie di Fini, di cinque milioni di euro sequestrato il 14 febbraio scorso. La vicenda giudiziaria ha avuto un'accelerazione il 19 ottobre scorso, con la notifica dell'avviso di chiusura delle indagini. L'atto fa avvicinare, a meno che non emergano nuovi elementi a discolpa, la richiesta di rinvio a giudizio della procura di Roma non solo per Tulliani, ma anche per Corallo, per Fini e la sua compagna Elisabetta Tulliani, per il padre di lei Sergio ed altri cinque indagati tra i quali il parlamentare di Forza Italia Amedeo Laboccetta.

Da parte sua l'ex presidente della Camera ha respinto le accuse, giudicandole «infondate» ed esprimendo «fiducia nella magistratura». Gli accertamenti hanno riguardato anche la vicenda della compravendita dell'appartamento a Montecarlo lasciato in eredità dalla contessa Annamaria Colleoni ad Alleanza Nazionale. L'immobile, secondo quanto accertato, sarebbe stato acquistato da Giancarlo Tulliani, grazie ai soldi di Corallo attraverso due società (Printemps e Timara) costituite ad hoc.


Ultimo aggiornamento: Domenica 5 Novembre 2017, 09:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA